Caso Pantani, dopo 17 anni una nuova inchiesta per l'omicidio del campione

La Procura di Rimini torna a indagare in seguito alle dichiarazioni del pusher di Marco

Video

Diciassette anni si riparte da lì. Da quell’anonima stanza del residence Le Rose di Rimini dove Marco Pantani, uno degli sportivi più amati dagli italiani, morì in solitudine. Il 14 febbraio del 2004, la notte di San Valentino, il Pirata se ne va - dirà l’autopsia - per edema polmonare e cerebrale, conseguente ad un’overdose di cocaina e psicofarmaci. Eppure ci sono zone oscure, dietro quella morte, se 17 anni dopo la procura di Rimini decide di riaprire per la terza volta l’inchiesta.

L’ultima era finita con un’archiviazione, nel 2016: l’ipotesi di un assassinio del grande ciclista romagnolo era stata definita «fantasiosa e senza fondamento». Oggi invece si riparte da lì: il fascicolo è aperto per omicidio, a carico di ignoti. Questa volta l’input a indagare ancora arriva dalla commissione parlamentare antimafia, che ha inviato ai magistrati riminesi una relazione. Al vaglio c’è soprattutto l’audizione, in parte secretata, di Fabio Miradossa, il pusher che nel 2005 aveva patteggiato una pena per spaccio legato alla morte di Pantani. Miradossa nel gennaio del 2020 aveva dichiarazione alla commissione parlamentare: «Marco è stato ucciso. L’ho conosciuto 5-6 mesi prima che morisse, e di certo non mi è sembrata una persona che si voleva uccidere. Era perennemente alla ricerca della verità sui fatti di Madonna di Campiglio, ha sempre detto che non si era dopato». Il 5 giugno 1999 il campione era stato sospeso dal Giro d’Italia per un valore di ematocrito nel sangue superiore alla soglia consentita. Il Pirata si è sempre dichiarato innocente. Per quella vicenda era stata tirata in ballo anche la camorra.

Le nuove indagini si concentrerebbero in particolare sulle ultime ore di Pantani, tralasciando invece altri elementi scandagliati in passato, come l’ipotesi che la scena del crimine sia stata inquinata o che le indagini successive al decesso siano state incomplete, circostanze evidenziate da precedenti esposti dei familiari. La madre di Marco, Tonia Bellettini, ha chiesto di essere convocata in procura, e il pm Luca Bertuzzi l’ha ascoltata per due ore. «Vuole capire una volta per tutte se il figlio è morto per un mix di antidepressivi con la cocaina, oppure se ci sono altri motivi», dice il nuovo avvocato della famiglia, Fiorenzo Alessi, che con il figlio Alberto sta affiancando il lavoro degli inquirenti con ulteriori indagini.


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Dicembre 2021, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA