L'Aifa: Astrazeneca sospeso in tutta Italia in via precauzionale
di Simone Pierini

L'Aifa: Astrazeneca sospeso in tutta Italia in via precauzionale

L'Aifa ha deciso di sospendere il vaccino Astrazeneca in tutta Italia in via precauzionale. L'Agenzia italiana del farmaco ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell'EMA, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei. 

 

L'Aifa, in coordinamento con Ema e gli altri Paesi europei, «valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione e renderà nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose». 

 

Leggi anche > Il virologo Pregliasco: «L'Aifa ha fatto bene, le mezze misure alimentano dubbi»

 

Il comitato per la farmacovigilanza dell'Ema tornerà a riunirsi domani per raccogliere le ultime informazioni circa i casi di eventi tromboembolici sospetti segnalati dopo la vaccinazione con il vaccino di AstraZeneca. Lo apprende Ansa da fonti vicine al dossier. Gli esperti Ue potrebbero anche non arrivare a un risultato domani, ma risposte definitive sono attese in settimana, precisano le stesse fonti. 

 

Stop Aifa ad AstraZeneca dopo colloquio tra Draghi e Speranza

 

«La decisione della sospensione delle somministrazioni del vaccino Astrazeneca, per ragioni esclusivamente precauzionali, da parte di Aifa è stata assunta dopo un colloquio tra il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Ministro della Salute Roberto Speranza. Durante la giornata Speranza ha avuto colloqui con i ministri della Salute di Germania, Francia e Spagna». Lo spiegano fonti del Ministero della Salute. «Le scelte compiute e condivise oggi dai principali Paesi europei su Astrazeneca sono state assunte esclusivamente in via precauzionale in attesa della prossima decisiva riunione di Ema. Abbiamo fiducia che già nelle prossime ore l'agenzia europea possa chiarire definitivamente la questione». Lo afferma il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

 

Oltre un milioni di dosi AstraZeneca somministrate in Italia 

 

Su 2.196.000 dosi di vaccino Astrazeneca consegnate in Italia ne sono state somministrate 1.093.800 milioni - in base ai dati pubblicati sulla dashboard del governo e sul sito 'Our World in datà -, il 49,8% di quelle arrivate nel nostro paese. Le prime dosi del siero dell'azienda anglo-svedese sono state somministrate in Italia l'11 febbraio: quel giorno furono fatte 2.919 inoculazioni, mentre il picco al momento è stato raggiunto venerdì scorso, con 64.684 dosi somministrate.

 

Leggi anche > L'immunologa Viola: «Misura precauzionale utile a far chiarezza»

 

Ema: «Nessun problema con AstraZeneca»

 

«Il rapporto tra benefici e rischi» per il vaccino anti-Covid di AstraZeneca «è considerato positivo e non vediamo alcun problema nel proseguire le vaccinazioni utilizzando questo vaccino». Lo ha detto Marco Cavaleri, responsabile per la strategia vaccinale dell'Ema, in audizione all'Europarlamento. «Stiamo esaminando i dati e gli eventi letali riportati per tentare di capire se ci sono cluster specifici di casi» legati «a certi tipi di patologie o allo status medico dei soggetti», ha aggiunto Cavaleri, sottolineando che finora non vi sono evidenze che «dimostrino un rischio emergente che influenzi il rapporto benefici/rischi».

 

Leggi anche > Vaccini, l'Ema: «Pfizer, Moderna e J&J efficaci anche contro le varianti»

 

Stop AstraZeneca anche in Francia e Germania

 

La Francia sospende la somministrazione del vaccino AstraZeneca fino a domani, in attesa del parere dell'Ema, l'agenzia europea del farmaco. Lo ha annunciato il presidente Emmanuel Macron. Anche la Germania ha deciso di sospendere le vaccinazioni con AstraZeneca. Lo rende noto il governo tedesco. Il ministero della Salute tedesco segue così l'indicazione del Paul Ehrlich Institut, che in via precauzionale consiglia «ulteriori approfondimenti» in relazione ai nuovi casi di trombosi che si sono verificati. Nei giorni scorsi Berlino aveva criticato invece lo stop danese e finlandese. «Conosciamo la portata di questa decisione che non è stata presa a cuor leggero. Ma è una decisione fattuale e non politica». Lo ha detto il ministro della Salute tedescon Jens Spahn. «È una decisione presa per pura cautela». «Per mantenere la fiducia nel vaccino dobbiamo dare ai nostri esperti il tempo di verificare i nuovi casi e «sgomberare il campo da eventuali rischi», ha continuato. «Deve essere chiaro - ha aggiunto - che anche non vaccinare comporta dei rischi».

 

Sospeso anche in Olanda

 

L'Olanda sospende le somministrazioni di vaccini Anti-Covid Astrazeneca fino al 29 marzo. Come precisato dal ministero della Salute olandese, la decisione comporterà la cancellazione di circa 40mila appuntamenti previsti per questi giorni. La decisione è stata presa su raccomandazione delle autorità sanitarie sulla base delle ultime informazioni raccolte e a titolo di precauzione.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Marzo 2021, 20:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA