Gorizia, palazzo crollato. Tre morti Video

Tre persone sono morte nel crollo del solaio di una palazzina di due piani a Gorizia. Le vittime sono Sabina Trapani, di 43 anni, e il suo compagno, originario della Slovenia, Miha Ursic, di 45, che vivevano al piano superiore del palazzo. La terza vittima è un uomo disabile di 50 anni, Fabrizio Facchettin, residente al piano terra. 



«I vigili del fuoco stanno valutando l'ipotesi che a provocare l'esplosione di questa mattina, che ha causato tre vittime, siano state delle bombole di Gpl»: lo ha affermato, all'ANSA, il sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna appena giunto sul luogo della tragedia di rientro da una vacanza all'estero. «È stata confermata la piena tenuta dell'impianto di distribuzione del metano - ha aggiunto il sindaco - così come è stato appurato che i lavori di ristrutturazione dell'immobile, eseguiti due anni fa, non hanno riguardato le condutture. Per questa ragione i sospetti si stanno concentrando sulle bombole: alcuni vigili del fuoco sono stati calati sul retro dell'immobile distrutto per cercare di appurare cosa possa essere accaduto». Il Comune ha anche messo a disposizione della Procura della Repubblica un deposito dove verranno portati oggetti che potrebbero risultare determinanti per l'inchiesta.

L'esplosione violentissima, alle 4,20 di questa mattina, ha causato il crollo di un solaio in un piano rialzato di una palazzina di due piani, probabilmente a seguito di una fuga di gas. È successo al civico 87 di viale XX settembre, a Gorizia. 
 
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Giugno 2019, 14:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA