Ferrara, preside posta foto di Auschwitz con la scritta «Il Green pass rende liberi»: sospeso dopo la bufera social

Ferrara, preside posta foto di Auschwitz con la scritta «Il Green pass rende liberi»: sospeso dopo la bufera social

Su Facebook aveva postato il fotomontaggio contro il Green pass. Emanuele Fiano del PD lo fa sospendere

Il preside di un istituto di Ferrara nei giorni scorsi ha pubblicato un post su Facebook dove aveva associato il Green pass ad Auschwitz. È scoppiata subito la bufera a Ferrara e il dirigente scolastico è stato sospeso dal servizio. 

 

Leggi anche > Green pass, parte la raccolta firme online per il referendum abrogativo: «Non discriminate i no vax»

 

 

Nel fotomontaggio che aveva realizzato, si vedeva un cancello del campo di  concentramento con la scritta «il Green pass rende liberi». L'immagine, che ha subito fatto scalpore ed è diventatavirale, ritraeva l'ingresso del campo di sterminio di Auschwitz e il dirigente scolastico dell'Istituto Perlasca di Ferrara, Stefano Gargioni è stato sospeso. 

 

A riprendere la notizia è il deputato del PD Emanuele Fiano che, nei giorni scorsi, ha annunciato un'interrogazione urgente al ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi affinché il dirigente scolastico fosse cacciato dal suo ruolo. 

 

«Questo signore - scrive Fiano in un post - è un dirigente scolastico a Ferrara. Usa una tragedia e la irride, calpestando la memoria di milioni di morti innocenti con la volgarità oscena del suo esempio. A me questo fotomontaggio fa vomitare. Lunedì insieme al nostro collega di Ferrara, il deputato Luca Rizzo Nervo e a tutto il gruppo del Pd presenteremo un'interrogazione urgente al Ministro dell'Istruzione Bianchi, chiedendo di estromettere questo soggetto dall'insegnamento e dalla direzione scolastica. Per fare il suo lavoro bisogna dimostrare di aver conosciuto la lezione della storia e di saperla trasmettere»

 

 

Oggi la notizia della sospensione del preside e Fiano la «celebra» su Facebook con un nuovo post: «Questo preside è stato appena rimosso dal proprio incarico e sospeso dal servizio con provvedimento disciplinare - scive il deputato del PD -. Ci sono battaglie che vale sempre la pena fare».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Settembre 2021, 22:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA