Falsari alle Canarie, smascherati quattro italiani: «Almeno 7500 euro contraffatti al mese»

Falsari alle Canarie, smascherati quattro italiani: «Almeno 7500 euro contraffatti al mese»

Come Totò, Peppino De Filippo e Giacomo Furia nel film La banda degli onesti, un grande classico della commedia italiana. Ma in realtà è tutto vero ed è accaduto all'estero. Quattro italiani, tre uomini e una donna di età compresa tra i 30 e i 40 anni, sono finiti in carcere per aver organizzato un sodalizio criminale specializzato nella falsificazione delle banconote.

Zero, il cane eroe morto per difendere la sua famiglia da una rapina in casa​



Come riporta anche 20minutos.es, è accaduto ad Arona (Tenerife), nelle Isole Canarie. I quattro italiani risiedevano da tempo sull'isola ed erano diventati eccellenti falsari di banconote: il denaro contraffatto era di ottima fattura ed era quasi del tutto identico a quello autentico. Il gruppo si era specializzato nella produzione di banconote da 10 e da 20 euro, ma il lavoro non finiva con la produzione, bensì costringeva la banda ad una diffusione costante del denaro falso.

Tutto era iniziato da quando le autorità, l'anno scorso, avevano notato la presenza di una forte percentuale di denaro falso, specialmente nell'isola di Tenerife. La polizia spagnola, insieme all'Europol, è riuscita a risalire al gruppo, che si stava specializzando anche nella produzione di falsi documenti d'identità. «Falsificare gli euro è sempre più difficile ed è per questo che i falsari sono sempre di meno» - ha spiegato Juan Bañuelos, che ha diretto l'operazione - «In questo caso dobbiamo riconoscere che le tecniche utilizzate da questi falsari erano di grande qualità, hanno sorpreso anche noi».
Sabato 30 Marzo 2019, 22:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA