Daniele si impicca in casa dopo una truffa online: ha chattato per un anno con una modella, ma era un uomo di 64 anni

La storia raccontata da "Le Iene". Aveva 24 anni e ha deciso di farla finita dopo aver scoperto che si trattava di una truffa

Daniele si impicca in casa dopo una truffa online: ha chattato per un anno con una modella, ma era un uomo di 64 anni

Daniele si è tolto la vita il 21 settembre 2021. Preso in giro da un uomo di 64 anni, che per un anno in chat si è finto una modella di 20, si è impiccato nella soffitta di casa. Aveva 24 anni. Il truffatore, intercettato dai carabinieri, ha spiegato che «mai avrebbe voluto che questa vicenda finisse così». Ma non ha fatto nulla per impedirlo.

Barbecue, la grigliata di Halloween finisce in tragedia: Alessandro bruciato vivo e morto a 31 anni

Morto Simone Borin, papà di Matilda uccisa in casa a 22 mesi: era malato, non si era mai ripreso dal lutto

Daniele truffato da "Irene", si impicca in casa

Adescato da Irene, modella 20enne che ha dichiarato il suo amore in chat, Daniele perde la testa. Su WhatsApp i due si corrispondono più di 8mila messaggi. Progettano viaggi insieme, cene e anche una famiglia. Dietro alla foto di questa 20enne apparentemente perfetta, si nasconde però un 64enne di Forlimpopoli, raccontano Le Iene in un servizio. La corrispondenza dura un anno. Poi, Daniele, insospettito dal fatto di non aver mai ricevuto un vocale dalla ragazza, ma solo foto, tronca. A dargli la conferma che si trattatava di una truffa, alcune foto delle ragazza trovate sui social, che appartenevano evidentemente a qualcun'altro. E non alla fantomatica Irene di cui si era innamorato. 

Il suicidio e la denuncia

La reazione però è estrema. Daniele, che non aveva mai raccontato a nessuno di questa relazione virtuale, decide di farla finita. E si impicca, nella soffitta di casa sua. Al fratello più piccolo lascia una tenerissima lettera: «Ti vedrò crescere giorno per giorno. Sii felice, non fare come me che non ho mai avuto amici e ragazze...». La famiglia, distrutta dopo la morte del 24enne, ha voluto vederci chiaro. Così, dopo essere risalita al 64enne che aveva ingannato il ragazzo, ha sporto denuncia ai carabinieri. Ora il caso è in mano a un giudice. La procura ha invece emesso un decreto penale di condanna contro il 64enne per il reato di sostituzione di persona, sul quale gli avvocati dell’uomo, Pier Paolo Benini e Antonino Lanca, non faranno opposizione.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Novembre 2022, 17:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA