Covid, l'allarme di Ricciardi: «Troppa movida, rischiamo di fare la fine della Catalogna»

Covid, l'allarme di Ricciardi: «Troppa movida, rischiamo di fare la fine della Catalogna»

Più controlli e meno caos o faremo la fine della Catalogna, con il rischio di un nuovo lockdown. L'allarme choc sulla situazione attuale legata alla pandemia di coronavirus viene da Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza e presidente della Federazione mondiale delle associazioni di Sanità pubblica: in un'intervista al quotidiano La Stampa, Ricciardi afferma come ci sia ormai troppa movida selvaggia. «Servono più controlli, ma soprattutto applicare sul serio le sanzioni».

Leggi anche > L'infettivologo Andreoni: «Non sono tutti asintomatici. I nuovi positivi sono più giovani»


«Purtroppo vedo che le multe sono lo zero virgola qualcosa rispetto al numero delle persone fermate. Così non va», continua Ricciardi, secondo cui rischiamo «di fare la fine della Catalogna o di Israele. Se i focolai crescono di numero e volume c'è il rischio di non riuscire più a tenerli sotto controllo. Allora potrebbe capitare di dover creare delle zone rosse anche in luoghi di villeggiatura dove si finirebbe per restare intrappolati».

Leggi anche > Vaia (Spallanzani): «Mascherine obbligatorie anche all'aperto. Agire sui focolai dall'estero»

Per affrontare il problema dei lavoratori migranti che non rispettano la quarantena perché «se non lavorano non mangiano», propone di istituire «un sussidio di sostentamento. Certo è che dobbiamo prepararci a una transizione lunga e il problema dei costi non può essere ignorato» aggiunge. Le persone che sbarcano sulle nostre coste «vanno messe in quarantena e testate ai primi sintomi». La black list dei Paesi a maggior rischio «verrà di volta in volta estesa ai Paesi dove la situazione risultasse fuori controllo. Per quelli a rischio intermedio basta la previsione della quarantena in entrata e i tamponi nel caso di esordio dei sintomi».



Per gli Usa, non inclusi nella black list, vanno bloccati gli arrivi solo «dalle zone più epidemiche come quelle del Sud». Bisogna «fare di tutto per non arrivare impreparati alla battaglia di ottobre, quando il virus potrebbe rialzare la testa». Non saremo al sicuro «fino a che non ne usciranno anche gli altri Paesi». Secondo Ricciardi l'Italia dovrebbe usare la linea di credito del Mes: «Sono soldi che possiamo utilizzare da subito e a zero interessi. Ma dobbiamo spenderli bene. Prima di tutto ristrutturando i nostri ospedali e rinnovando la loro dotazione tecnologica. Poi motivando meglio anche economicamente il personale sanitario» e «promuovendo una grande trasformazione digitale della sanità».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Luglio 2020, 15:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA