Vaia (Spallanzani): «Mascherine obbligatorie anche all'aperto. Agire sui focolai dall'estero»

Vaia (Spallanzani): «Mascherine obbligatorie anche all'aperto. Agire sui focolai dall'estero»
Dopo la preoccupazione espressa dall'assessore alla Sanità Alessio D'Amato sui numeri dei contagi di coronavirus nel Lazio, il direttore sanitario dello Spallanzani Francesco Vaia, sentito dall'Adnkronos Salute, conferma le sue parole e auspica una misura: la mascherina obbligatoria in tutte le situazioni, sia al chiuso che all'aperto, in cui siano presenti più persone e non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza 'anti-droplets' di almeno un metro e mezzo.

Leggi anche > Covid, l'allarme di Ricciardi: «Troppa movida, rischiamo la fine della Catalogna»

«Ritengo più che giustificata - dichiara il medico - la preoccupazione» espressa dall'assessore «e ritengo opportuna da parte della Regione una decisione che preveda una raccomandazione forte all'utilizzo delle mascherine, considerando che mascherine e distanziamento si sono dimostrate misure valide ai fini della prevenzione del contagio» da Covid-19.

Vaia invita ad agire secondo «due direttrici. La prima, lo abbiamo sempre detto, è la collaborazione dei cittadini che devono comportarsi bene» rispettando le misure prescritte contro il propagarsi dell'infezione. «La seconda è un'azione di sanità pubblica che in questo periodo si deve estrinsecare nell'andare a verificare e a chiudere i focolai, compresi quelli che si possono determinare dagli arrivi internazionali ed è ciò che sto andando a fare in questo momento», precisa l'esperto raggiunto telefonicamente mentre si trova in aeroporto. «Terzo pilastro - aggiunge - sono i media che devono sempre aiutarci a diffondere, come hanno fatto finora, messaggi giusti e corretti».

Sul fronte mascherine, in vista di un'ordinanza alla quale la Regione Lazio sta lavorando in queste ore, augurandosi una raccomandazione forte «intendo un atto di prescrizione - puntualizza Vaia - all'utilizzo obbligatorio quando siamo negli ambienti chiusi a una distanza inferiore a un metro e mezzo. E anche negli ambienti aperti, come si sa, se siamo più persone e a distanza inferiore a un metro e mezzo bisogna comunque utilizzarle», esorta il direttore sanitario dello Spallanzani considerando quindi «auspicabile un obbligo di mascherina anche all'aperto quando non c'è distanziamento». 

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Luglio 2020, 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA