Il premio Nobel Muratov vende la sua medaglia per 103,5 milioni: «Il ricavato andrà ai profughi ucraini»

Il premio Nobel Muratov vende la sua medaglia per 103,5 milioni: «Il ricavato andrà ai profughi ucraini»

Il premio Nobel per la pace, il russo Dmitry Muratov, ha venduto all'asta la sua medaglia del Nobel e ne ha ricavato 103,5 milioni di dollari, quasi cento milioni di euro, il cui ricavato andrà in beneficenza. La medeglia è stata battuta all'asta ieri: il denaro andrà all'Unicef per il suo sostegno alla crisi dei rifugiati ucraini dopo l'invasione russa del 24 febbraio scorso.

 

Muratov ha ottenuto il Nobel per la pace lo scorso anno insieme alla giornalista filippina Maria Ressa «per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è precondizione per la democrazia e la pace duratura». Direttore della Novaya Gazeta, nei mesi scorsi ha sospeso la pubblicazione del suo giornale critico del Cremlino per evitare problemi a suoi giornalisti a causa di nuove leggi sulla censura approvate dopo l'avvio di quella che Mosca chiama «operazione militare speciale» in Ucraina. 

 

 

 

«Il signor Muratov, con il pieno sostegno del suo staff alla Novaya Gazeta, ci ha permesso di mettere all'asta la sua medaglia non per collezione ma per un evento che spera avrà un impatto positivo sulla vita di milioni di profughi ucraini», ha commentato la casa d'aste di New York Heritage Auctions. Un gesto di grandissima generosità, da parte di uno dei simboli di libertà in un Paese in cui il concetto di libertà è decisamente relativo.

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Giugno 2022, 15:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA