Greta Thunberg stuprata, azienda petrolifera nella bufera per degli adesivi. Lei: «Disperati»

video
di Nico Riva
Una ragazzina di spalle, nuda, il nome Greta sulla schiena, mentre un uomo la trattiene per le trecce, pronto a violentarla. E' l'immagine che un'azienda petrolifera canadese ha realizzato in forma di adesivo per attaccare l'attivista ambientale Greta Thunberg. Un'immagine di violenza inaudita, per giunta contro una minorenne, che ha fatto il giro del web sollevando un polverone di denuncia e critiche, arrivando fino alla diretta interessata. 

Leggi anche > Greta a Davos: «Più consapevolezza sul clima ma le emissioni non sono state ridotte»

A partire dalla denuncia sui social, HuffPost Canada è riuscita a mettersi in contatto con un dipendente dell'azienda petrolifera, che in forma anonima per paura di ritorsioni ha rivelato alcuni dettagli. L'adesivo farebbe parte di materiale promozionale distribuito negli ultimi giorni da un'altra compagnia, interessata a produrre altri adesivi simili per l'azienda petrolifera. «E' stato totalmente disgustoso e sbagliato», ha concluso il dipendente. 

Michelle Narang, che per prima ha denunciato su Facebook l'accaduto, ha cercato poi di mettersi in contatto con il general manager dell'azienda incriminata. Gli ha chiesto se fosse a conoscenza di adesivi raffiguranti lo stupro di una minorenne e non solo lui avrebbe risposto di sì, ma avrebbe aggiunto: «Non è una bambina, ha 17 anni», come se questa fosse una giustificazione valida per la violenza sessuale. Ha poi concluso sottolineando che l'azienda non ha niente a che fare con la produzione e la distribuzione dell'adesivo. 

La voce si è sparsa e anche diversi esponenti politici canadesi hanno preso la parola, condannando fermamente il disegno «disgustoso e degradante». Greta Thunberg è infine venuta a conoscenza della situazione, e ha deciso di replicare tramite Twitter. «Stanno diventando sempre più disperati. Questo dimostra che stiamo vincendo». La battaglia di Greta per il clima continua, nonostante i frequenti attacchi che ha subito online e non solo da quando è cominciata la sua protesta ambientalista, divenuta globale in poco tempo. 
 

Ultimo aggiornamento: Domenica 1 Marzo 2020, 18:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA