Il padre gli telefona ma lui non risponde, l'uomo si suicida poco dopo: «Il mio rimpianto più grande»

Il 44enne da diversi anni lottava contro una malattia mentale di cui i figli erano completamente all'oscuro

Il padre gli telefona ma lui non risponde, l'uomo si suicida poco dopo: «Il mio rimpianto più grande»

Riceve una chiamata dal padre ma non fa in tempo a rispondere e l'uomo si toglie la vita. Chris Door era al lavoro quando ha ricevuto quella telefonata dal padre, non ha pensato a richiamarlo e poche ore dopo ha appreso che il papà si era suicidato. «La mattina dopo, ho ricevuto un'altra telefonata, ma non era mio padre, era la mia matrigna per dirmi che era scomparso dalla scorsa notte».

Leggi anche > Studentessa mamma porta il figlioletto all'università per allattarlo: allontanata dai professori

Il ricordo

Sono passati 10 anni dal giorno della tragedia, Chris aveva 20 anni e ha ricordato di essere subito andato a Staplehurst, nel Kent, dove viveva il padre. Poco dopo essere salito in auto però il telefono ha squillato di nuovo e gli è stato detto che il padre era morto. L'uomo aveva solo 44 anni quando si è tolto la vita e il figlio ha voluto raccontare la sua storia per divulgare la consapevolezza e la sensibilizzazione sulle malattie mentali e la depressione per aiutare altre persone come suo padre.

Il 44enne infatti da diversi anni lottava contro una malattia mentale di cui i figli erano completamente all'oscuro. Il giovane ha ammesso che se lo avesse saputo non avrebbe mai lasciato la chiamata senza risposta, avrebbe provato a capire se era tutto ok. «In seguito abbiamo scoperto che mio padre aveva avuto problemi di denaro piuttosto gravi, che aveva tenuto ben nascosto. Era divorziato da mia madre, quindi aveva sei figli a cui provvedere».

Leggi anche > Ventenne incinta adescata sui social da una coppia e uccisa: le hanno tagliato la pancia per rubare il feto

Il giorno che lo aveva chiamato aveva avuto un piccolo incidente auto, che è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. «Era convinto che senza di lui saremmo stati meglio, che questa era la decisione migliore per la sua famiglia», ha raccontato Chris alla stampa locale, «Anche se ho accettato la morte di mio padre, il mio più grande rimpianto nella vita è non aver risposto a quella telefonata per potergli rire quanto lo amo e che lo avremmo aiutato a superare qualunque cosa stesse combattendo».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Dicembre 2022, 12:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA