Donna incinta accoltella il fidanzato dopo il babyshower: «Hanno discusso su chi dovesse utilizzare il microonde»

La donna ha accoltellato a una gamba il fidanzato ed è uscita per sbollire la rabbia, temendo potesse fare del male al suo bambino, quando è tornata si è accorta che il partner era morto dissanguato

Donna incinta accoltella il fidanzato dopo il babyshower: «Hanno discusso su chi dovesse utilizzare il microonde»

Una donna, incinta all'ottavo mese, ha accoltellato a morte il suo compagno dopo il babyshower del bambino, a seguito di una discussione sul cibo. Pare che la coppia abbia litigato su come scaldare del cibo al microonde e la discussione sia poi degenerata fino a concludersi in tragedia.

Leggi anche > Punto da uno scorpione mentre infila le scarpe, bambino muore dopo 7 arresti cardiaci

La lite

Keshia Golden, 33 anni, è stata arrestata con l'accusa di omicidio di primo grado per l'accoltellamento del suo fidanzato, Calvin Sidney, 29 anni. La coppia era rientrata nella loro caso dopo i festeggiamenti del babyshower, ma pare che a quel punto sia nata un'accesa discussione su chi avrebbe dovuto usare il microonde. La donna avrebbe fatto cadere un piatto dalle mani del compagno che l'ha poi spinta.

A quel punto il 29enne è andato in camera da letto, ma la Golden lo ha raggiunto e lo ha accoltellato a una gamba per poi scappare di casa. La 33enne ha però colpito l'arteria femorale del compagno che in pochi minuti sarebbe morto dissanguato. Quando è poi tornata a casa si è accorta di quanto era accaduto e ha chiamato i soccorsi, ma per il 29enne non c'era più nulla da fare.

 

Le persone vicine alla coppia hanno spiegato che i due erano molto litigiosi ma si amavano. La donna si è allontanata per cercare di smaltire la rabbia, preoccupata che potesse fare del male al bambino nella pancia. La polizia ha spiegato che negli ultimi 3 mesi sono state fatte 5 chiamate da parte di Sidney per violenza domestica, pare che da tempo fosse vittima degli abusi della donna, ma non aveva mai formalmente sporto denuncia.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Novembre 2022, 17:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA