Coppia gay si sposa dopo che 31 chiese hanno respinto la loro richiesta

L'Odissea di due sposi inglesi

Coppia gay si sposa dopo che 31 chiese hanno respinto la loro richiesta

Oltre 30 chiese prima di poter pronunciare il fatidico sì. Si è conclusa il mese scorso a Waltham Abbey, Essex Wanstead, l'Odissea di Shane Yerrell, 39 anni, e David Sparrey, 30 anni, una coppia gay cristiana che ha atteso mesi prima di ottenere il benestare della Chiesa e potersi sposare.

Gf Vip, Pamela Prati positiva al Covid: paura per Alfonso Signorini, baciato sulle labbra

 

Uk, coppia gay si sposa dopo che 31 chiese hanno respinto la loro richiesta

Dopo avere girato per 31 chiese dell'Inghilterra, i due sposi si sono imbattuti nella Wanstead United Reformed Church che, al trentaduesimo tentativo, ha accettato di celebrare il matrimonio di fronte a familiari e amici lo scorso 21 ottobre.

«Onestamente, mi sarei quasi arreso – ha raccontato al Daily Mail Shane, vicesindaco di Waltham Abbey e consigliere di Epping Forest –. Ma quando ho parlato con [il reverendo] Tessa stavo letteralmente gridando di gioia e saltando per la stanza. David non mi credeva. Quando abbiamo incontrato Tessa ci ha detto: 'Vedo che vi amate, l'amore è amore'. È stata la sensazione più incredibile. Ha detto: 'Tutti meritano di sposare la persona che amano'».

«La giornata è stata così speciale – ha proseguito lo sposo –. Quella chiesa era una luce alla fine di un tunnel. Sono così coraggiosi e saremo sempre così grati a loro. Non è stato facile, ma ne è valsa la pena. Pensavamo che non sarebbe mai successo. Era come se [le chiese] stessero tutte leggendo un copione: 'Ci piacerebbe, ma no'».

La coppia si è incontrata attraverso un amico comune nel 2014 e si è fidanzata nel 2016. Due anni fa la proposta di matrimonio di David, su una romantica spiaggia a Creta, durante una vacanza in famiglia. A questo sogno d'amore mancava solo la benedizione, arrivata il mese scorso in presenza di un centinaio di ospiti tra parenti e amici.

«È stato un giorno che non dimenticherò mai – ha raccontato David –. Eravamo circondati da così tanto amore quel giorno. È stato il matrimonio perfetto. Eravamo al settimo cielo quando la chiesa ha accettato di sposarci. Tutto sembrava completo. Speravo che la pazienza e la determinazione di Shane avrebbero dato i loro frutti e così è stato».

«È stato così commovente, travolgente, non riuscivo a crederci. È stato davvero il momento più speciale. Ce l'avevamo fatta e non ci eravamo dovuti accontentare di qualcosa di meno – ha aggiunto –. Sono felice che facciamo parte della storia di quella chiesa, abbiamo fatto amicizia per la vita. Le persone gay semplicemente non pensano che sia possibile, ma se sei una coppia dello stesso sesso e vuoi sposarti in una chiesa non mollare. Penso che molte chiese abbiano paura di una reazione negativa, la gente dice che non è quello che dice la Bibbia. Ma penso che potrebbero trovare un modo per interpretarlo da soli e renderlo possibile, dopo tutto, l'amore è amore, non importa se sei gay o etero».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Novembre 2022, 21:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA