Gabbiani, l'incredibile studio sull'adattamento: «Si abituano agli orari della ricreazione nelle scuole»

Gabbiani, l'incredibile studio sull'adattamento: «Si abituano agli orari della ricreazione nelle scuole»

Non solo degli ottimi e feroci predatori, ma anche animali in grado di adattarsi facilmente all'ambiente esterno. Forse è anche per questo che, anche in città, i gabbiani da anni la stanno facendo da padroni. Oltre alla loro ferocia, c'è una caratteristica che li favorirebbe non poco: la capacità di adattamento alle situazioni esterne.

 

Leggi anche > Andrea Lo Cicero in lacrime, uccisa l'asina nella fattoria per bimbi disabili: «Mi hanno ammazzato una figlia»

 

 

Uno studio dell'università di Bristol, infatti, ha permesso di scoprire che i gabbiani sono in grado di capire quando e dove ottenere del cibo. Lo dimostra quanto svolto dai ricercatori, che hanno monitorato gli spostamenti dei gabbiani in città dopo aver posto su alcuni esemplari alcuni dispositivi con GPS incorporato. Come riporta l'Independent, seguendo gli spostamenti dei gabbiani, i ricercatori hanno riscontrato la loro presenza in tre principali aree: un giardino pubblico, il cortile di una scuola e un centro di raccolta dei rifiuti.

 

I risultati sono strabilianti e non possono essere frutto di un caso: la presenza dei gabbiani nel centro di raccolta dei rifiuti si concentra prima dell'apertura e dopo la chiusura dei cancelli, mentre nella scuola i gabbiani si concentravano alle 11.15, l'orario in cui gli alunni della scuola uscivano in cortile per la ricreazione. Monitorando con maggiore attenzione la posizione dei gabbiani, i ricercatori hanno scoperto che i volatili si radunavano sui tetti della scuola subito prima della ricreazione, mentre raggiungevano i centri di raccolta subito prima del momento in cui i rifiuti organici venivano depositati. Inoltre, fanno sapere i ricercatori, la presenza di gabbiani nei centri di raccolta dei rifiuti tende a diminuire per tutto il corso dei vari week-end, in coincidenza con uno smaltimento decisamente minore a causa del numero inferiore di addetti al lavoro.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Novembre 2020, 21:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA