Italiani ultimi in Europa per l'utilizzo dei social
di Maddalena Messeri

Italiani ultimi in Europa per l'utilizzo dei social

Suona strano ma l'Italia è l'ultima in Europa per l'utilizzo dei social. Nonostante le piattaforme dominino il dibattito pubblico quotidiano, nonostante la percezione sia quella di un continuo postare selfie, pupi, piatti e foto del tramonto, noi italiani siamo ultimi in classifica. Secondo la ricerca Eurostat Regional yearbook 2021 edition questo dato non è dovuto solo ad una scelta personale, bensì al digital divide e alla mancanza di connessione internet in molte zone d'Italia, specialmente al Sud e nelle Isole. In totale il 57% degli europei utilizza saltuariamente i social, la maggioranza (87%) sono giovani tra i 16 e i 24 anni, mentre solo il 22% sono over65, anche se negli ultimi cinque anni la percentuale di persone anziane che utilizzano le piattaforme è raddoppiata. In classifica al primo posto c'è l'Islanda col 94%, seguita da Norvegia 88% e Danimarca 85%. Il Regno Unito segna il 78%, seguito da Germania, Bulgaria e Polonia 55-54%. A metà classifica spuntano Spagna, Estonia, Romania, tutte al 65%, e la Slovacchia al 64%. Turchia e Grecia sono rispettivamente al 62% e al 59%, mentre per la Francia non sono disponibili dati aggiornati. Poi arriva l'Italia, all'ultimo posto col 48%. Ma questo è un bene o un male? Se la scelta personale di non utilizzare i social va comunque rispettata, un Paese moderno deve garantire a tutti l'accesso a internet e a tutte le piattaforme. Libera connessione in libero Stato.


@maddai_

 


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Settembre 2021, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA