Netflix, addio password condivise? «Account a rischio». Ecco cosa potrebbe accadere

Netflix, addio password condivise? «Account a rischio». Ecco cosa potrebbe accadere

Il successo di Netflix è legato anche a questo: la possibilità di condividere account e password tra diversi utenti, per risparmiare sul canone mensile e consentire all’utente di accedere a contenuti di qualità ad un prezzo relativamente basso. Eppure presto questo risparmio potrebbe diventare una chimera: ‘colpa’ di una piattaforma britannica, presentata in questi giorni a Las Vegas, che potrebbe aiutare i servizi di streaming video e musicale a individuare gli utenti che condividono le loro credenziali con altre persone.

Bird Box Challenge, sfida sul web: bendati come nel film. Ira Netflix: «Non fatelo»

Non solo Netflix, ma anche Spotify, Apple Music, Xbox Live e tante altre piattaforme di musica o video online finora hanno ignorato, se non incoraggiato questo tipo di fruizione: basti pensare ai vantaggi che ne conseguono in termini di audience (per fare un esempio, se un abbonamento Netflix è usato in contemporanea da 4 persone in 4 posti diversi del mondo, le visualizzazioni sono quadruplicate).



Narcos: Messico, da Kiki Camarena a Felix Gallardo le facce dei (veri) protagonisti

Ma presto tutto questo potrebbe finire. Una società britannica, la Synamedia, ha presentato un nuovo sistema che tramite il machine learning e l’intelligenza artificiale potrebbe individuare le password condivise, analizzando i dati degli utenti e individuando chi condivide il proprio account con altre persone: a quel punto la piattaforma cliente, cioè Netflix ad esempio, potrebbe allertare l’utente o arrivare a sospendere il suo account.

Il pezzotto, il decoder pirata per vedere tutta la tv del mondo. «Si rischia il carcere»

Tutta da verificare sarà però l’intenzione delle stesse piattaforme di arrivare ad un passo del genere, se si pensa all’enorme diffusione di questa abitudine che è alla base del successo stesso ad esempio di Netflix, sbarcata in Italia nel 2015 e che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi due anni. Ma col passare degli anni, inevitabilmente, le piattaforme online punteranno a massimizzare i profitti e con ogni probabilità ci ritroveremo a non poter più condividere i nostri account con altre persone. In definitiva: finché dura, godetevela.


Venerdì 11 Gennaio 2019, 11:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA