Mihajlovic, torna la paura : «Devo fermarmi per seguire un nuovo ciclo di terapie»

Mihajlovic, torna la paura: «Devo fermarmi per seguire un nuovo ciclo di terapie»

Sinisa Mihajlovic deve tornare a combattare. In una conferenza stampa improvvisa, convocata senza preavviso a Casteldebole, il tecnico del Bologna ha annunciato che dovrà nuovamente affrontare un ricovero e un percorso terapeutico per scongiurare il riaffacciarsi della malattia.

Accanto a lui, in rappresentanza del Bologna, il ds Riccardo Bigon. Due anni e mezzo fa Sinisa era stato colpito da leucemia mieloide acuta ad alto rischio. Il percorso precedente era stato lungo e aveva portato a un trapianto di midollo. Fortunatamente adesso la situazione non è così grave e anzi il tecnico è apparso sereno fin dalle prime battute in cui ha spiegato la situazione: «Come sapete svolgo ciclicamente delle analisi molto approfondite dopo che due anni e mezzo fa sono stato colpito da leucemia mieloide ad alto rischio. Sapete tutti qual è stato il percorso che mi ha portato ad un trapianto di midollo».

«In questi anni la mia ripresa è stata ottima, ma queste malattie sono subdole e bastarde. Dalle ultime analisi sono emersi dei campanelli di allarme e potrebbe presentarsi il rischio di una ricomparsa della malattia. Per evitare che questo possa accadere mi è stato consigliato di intraprendere un percorso terapeutico che possa eliminare sul nascere questa ipotesi negativa».

Poi la chiosa da combattente qual è: «Questa volta non entrerò in scivolata su un'avversario lanciato, ma giocherò in anticipo per non farlo partire»


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Marzo 2022, 12:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA