Manchester City-Psg 2-0: i Citizens volano in finale grazie alla doppietta di Mahrez

Video

Il Manchester City di Pep Guardiola batte 2-0 in casa il Paris Saint Germain e si qualifica per la finale di Champions League. Rimonta fallita per la squadra di Pochettino, che aveva bisogno di una buona prestazione in trasferta. Quella di stasera è la vittoria numero 51 del City in Champions, nonché la settima consecutiva: si tratta della striscia vincente più lunga del club nella competizione.

Manchester City, vittoria e Premier vicina. Liga, torna a vincere l'Atletico

Il match

Parte bene il Psg, che nella prima parte del primo tempo riesce a reggere il ritmo del City e prova a creare occasioni con Neymar e Marquinhos. La doccia fredda, però, arriva già all'11'. Prima vera azione del City, De Bruyne calcia dal cuore dell'area, Navas respinge ma Mahrez raccoglie e batte Navas in diagonale. Le squadre vanno negli spogliatoi con il risultato parziale dell'1-0. Nel secondo tempo, poi, è sempre l'algerino a siglare la rete del 2-0, al 63'.

Guardiola cita De Gregori: «Noi siamo noi quando giochiamo di squadra, la "Storia siamo noi"»

Il raddoppio

Ripartenza perfetta per gli uomini di Guardiola: Foden - trovato in profondità - serve l'esterno d'attacco algerino, che è completamente da solo davanti alla porta. Per lui è un gioco da ragazzi battere Navas nell'uno contro uno. Poi l'espulsione per un fallo di reazione di Di Maria ha definitivamente tagliato le gambe agli uomini di Pochettino.

Champions League, Manchester City-Psg: stasera la prima finalista

Il Psg, orfano stasera di Mbappé - fermato da noie muscolari - non è stato particolarmente incisivo. L'occasione più ghiotta è stata una traversa colpita da Marquinhos nel primo tempo su azione da corner. Adesso il City aspetta la sua avversaria per l'ultimo atto che si terrà ad Istanbul. Domani sera si giocherà l'altra semifinale, il ritorno tra Chelsea e Real Madrid. Che partono dall'1-1 della partita di andata in Spagna.

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Maggio 2021, 00:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA