Domenica Live, Patrizia Pellegrino racconta il suo incubo: «Mi hanno operato d'urgenza per un tumore al rene»
di Valeria Arnaldi

Domenica Live, Patrizia Pellegrino racconta il suo incubo: «Mi hanno operato d'urgenza per un tumore al rene»

Patrizia Pellegrino racconta a Domenica Live con Barbara D'Urso il suo incubo: «I primi di febbraio, ho visto del sangue nelle urine. Sono andata dal ginecologo, era tutto ok, mi sono preoccupata. Era un tumore al rene».

Patrizia Pellegrino ha sollecitato i medici per fare subito tutti i controlli.

E così ha avuto rapidamente la conferma.

Pellegrino prosegue: «Era un tumore di tre/quattro centimetri, nella parte superiore del rene. Secondo i medici andava operato subito. Ho avuto la sensazione di non essere pronta ad affrontare il problema. Fuori c’era mia madre, le ho detto la verità, è sbiancata. Ho chiamato i miei figli, ho detto la verità a tutti e tre. Volevo condividessero».

 

Appena tre giorni dopo l’intervento.

«Il medico mi aveva fissato l’intervento una settimana dopo - continua - io h chiesto di farlo il prima possibile. Ho detto: voglio cantare, fare tante cose. Il dottore mi ha chiesto: canta qualcosa in napoletano? Gli ho detto che lo avrei fatto dopo l’intervento. Mi hanno tolto un rene».

In un video vengono ricordati i molti dolori di Patrizia Pellegrino: la morte del primo figlio, a sei giorni dalla nascita, poi la morte del fratello a 39 anni, per droga.

Problemi ci sono stati pure con la figlia Arianna.

Pellegrino spiega: «A sei mesi, nell’ecografia scoprono che avevano una malattia molto rara, grave, mi hanno detto che non avrebbe mai camminato. Lei è molto tosta, molto più di me. Non si è fermata mai davanti a nessuna difficoltà. Oggi cammina, fa pochi passi, abbiamo la sedia a rotelle, ma è intelligentissima e anche sexy».

In studio entrano due dei tre figli di Patrizia Pellegrino. Si chiude così in famiglia, parlando della Pellegrino come mamma, ma anche della reazione dei figli al suo tumore. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Marzo 2021, 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA