L'ultima intervista di Naya Rivera prima della morte nel lago, i sogni stroncati della star di Glee al festival di Giffoni
di Alessandra De Tommasi

Naya Rivera, l'ultima intervista prima della morte nel lago, i sogni stroncati della star di Glee al festival di Giffoni

Naya Rivera, 33 anni, è annegata nel Lago Piru, in California, dopo aver portato in salvo sulla barca il figlio Josey, di 4 anni, senza riuscire a risalire. Scomparsa dall’8 luglio, l’attrice è stata ripescata dai sommozzatori qualche ora fa, nel settimo anniversario esatto dalla morte per overdose di accidentale dell’amico Cory Monteith. Lo sceriffo William Ayub lo ha rivelato in conferenza stampa dopo aver ascoltato il bambino, mentre amici, familiari ed ex colleghi della serie che l’ha resa famosa, Glee, hanno creato una catena umana sulla riva.

Nel gioiellino musicale del piccolo schermo Naya Rivera ha interpretato la cheerleader gay Santana, che l’ha portata anche nel 2013 in Italia, ospite del Festival per ragazzi di Giffoni, grazie all’evento speciale Gleeffoni. Ecco cosa ci aveva raccontato in quell’occasione.

Cosa le piace dell’Italia?
«Il Bellini, la moda di Roberto Cavalli, il mare vicino a Capri… insomma tutto!»

Com’è Naya lontana dai riflettori?
«Una casalinga, una tipa tranquilla che cucina e che vorrebbe conoscere la ricetta per la pasta fatta a mano».

Che tipo di carriera sogni?
«Vorrei un giorno seguire le orme degli artisti che stimo, come Ricky Martin, Sarah Jessica Parker e Gwyneth Paltrow. Passo ore a guardare come si muovono, come cantano o recitano e cerco di migliorare rubando i loro segreti».

Cosa ha insegnato ai ragazzi la serie cult Glee?
«Vedendo me su quel palco spero che capiscano che se ce la posso fare io allora ci possono riuscire anche loro, davvero possono fare tutto e inseguire i propri sogni. Nonostante i milioni di “no” che ricevono e che io ho ricevuto».

Quanti sono stati legati al colore della pelle?
«Quando ho iniziato era molto più difficile e raro trovare un protagonista che non fosse caucasico. Invece non dovresti essere giudicato per l’etnia, ma sono per il talento. E io sono fortunata ad esserci riuscita».

Cosa ricordi del debutto in Willy, il principe di Bel Air con Will Smith?
«Avevo cinque anni e non vedevo l’ora di conoscerlo. Peccato essersi persi di vista».

Cosa la rende felice, a parte gli affetti?
«La musica, l’unico mezzo con cui riesco ad esprimere la vera me e quello che provo.

Quando il collega Cory Monteith è venuto a mancare lei si trovava a Londra. Cosa ha risposto ai giovani fan che non sapevano come affrontare la perdita?
«Il lutto è qualcosa di personale e delicato. Credo che il modo migliore per onorare chi ci lascia è rimanere uniti e viverlo insieme».










 
Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Luglio 2020, 18:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA