Marco Senise, pignorati i compensi dell'Isola dei Famosi: «Ha debito di 112mila euro». Cos'è accaduto

l conduttore televisivo aveva un debito pregresso con la Colli d'Oro srl, che aveva presentato due decreti ingiuntivi per un valore totale di oltre 70 mila euro

Marco Senise, pignorati i compensi dell'Isola dei Famosi: «Ha debito di 112mila euro». Cos'è accaduto

Marco Senise ha subito il pignoramento del compenso de L'Isola dei Famosi.  Il conduttore televisivo, noto al grande pubblico soprattutto per i suoi lunghi trascorsi a Forum, aveva infatti un debito pregresso con la Colli d'Oro srl, che il 30 aprile del 2013 gli aveva notificato un decreto ingiuntivo per 51mila euro e un altro, il 5 ottobre 2015, da 23mila, come riporta il Messaggero.

Leggi anche > Scandalo a Matrimonio a prima vista, una coppia si accorda ma viene sorpresa dalla produzione

Subito dopo la sua partecipazione a L'Isola dei Famosi, Senise, ha dovuto affrontare diverse beghe legali per un pignoramento. L'ex volto di Forum doveva alla società costruttrice, C.I.P.I. Immobiliare srl, dalla quale aveva acquistato nel 2008 un appartamento in via Ardeatina, a Roma ma non avendo mai saldato il debito gli era stato notificato un pignoramento.


La società Colli d'Oro, che aveva acquisito il credito dalla C.I.P.I. Immobiliare srl, ha notificato un pignoramento presso terzi a Banijay Italia spa, società produttrice del programma L'Isola dei famosi, che avrebbe dovuto elargire a Senise dei compensi presso terzi a Banijay Italia spa, società produttrice del programma che ha quindi pagato Senise per la partecipazione al reality. 

Senise è riuscito a restare sull'Isola per un mese, poi il pubblico ne ha deciso l'eliminazione, quei compensi però sono stati pignorati.  La somma per cui è stata fatta istanza di pignoramento da parte dell'avvocato Stefano Scalbi (che difende la Colli d'Oro srl) ammonta a 112mila euro, comprensiva di spese legali e interessi. Lo scorso 2 agosto Banijay Italia ha risposto che deve a Marco Senise un importo complessivo di 11.338 euro: «La predetta somma è sottoposta a vincolo e sarà custodita nel rispetto dei termini di legge sino ai provvedimenti di assegnazione da parte del Giudice competente».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Agosto 2022, 09:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA