Coltivazioni ogm, ecco dove sono vietate in Europa

Coltivazioni ogm, ecco dove sono vietate in Europa

Sono diciassette i paesi dell'Unione Europea ad aver scelto di non coltivare piante ogm sul proprio territorio. Il mais resistente alla piralide, unica pianta transgenica legale in Europa, continuerà a venire coltivata solo in Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania.

L'U.E. rimane quindi contraria agli organismi geneticamente modificati, pur continuando ad essere grande importatrice di materie prime gm: dai dati rilevati, si parla di circa 30 milioni di tonnellate l'anno di soia e tra 0,5 e 3 milioni di tonnellate di mais.

L'Italia, nel 2016, ha importato 1,3 milioni di tonnellate di semi e 2 milioni di tonnellate di panelli di soia dalle Americhe, dove l'80-90% della soia è gm.

Secondo alcune stime di Assalzoo, l'85% della soia presente in Italia è geneticamente modificata.

Il rifiuto europero nei confronti del transgenico nasce probabilmente dai tempi della "mucca pazza", grande scandalo alimentare che ebbe un forte impatto in tutto il continente e che ha probabilmente portato alla diffidenza nei confronti degli omg, nonostante nel resto del mondo si sia passati da 1,5 milioni di ettari del 1996 a 185,1 milioni di ettari nel 2016 di coltivazioni transgeniche.

Il fatto che le importazioni siano così elevate, pur essendo le coltivazioni fermamente vietate, è una grande contraddizione dell'U.E.

Nel 2015, la Commissione Europea ha tentato di vietare le importazioni sulla base degli stessi principi che vietano la coltivazione di piante ogm, ma la bozza è stata respinta dall'Europarlamento nella sua integrità.
Giovedì 15 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME