La quarantena infinita delle famiglie: se ci si ammala a turno (e non ci si può isolare) quanto devo stare a casa?

Le regole per i conviventi che hanno positivi in casa e non possono isolarsi

Se in famiglia ci si ammala a turno (e non ci si può isolare): che succede?

di Veronica Cursi

Il primo è stato il grande di 8 anni, dopo 3 giorni è toccato al figlio di 6, dopo altri tre a contagiarsi è stato quello di 4. Tutti positivi al Covid, nella stessa casa, ma a rotazione. E ora che succede? Ci risiamo. Ritira fuori il computer, ricordati le password, riattiva l'applicazione per le videochat che (onestamente) speravi di non dover vedere più.  La dad è già attiva per moltissimi studenti che in questi giorni sono risultati positivi al Covid o sono in quarantena. E i genitori, così come gli alunni, rivivono l'incubo delle lezioni a distanza e delle quarantene che - per chi non è ancora vaccinato con tre dosi - possono diventare anche infinite. 

A casa riecheggiano (di nuovo) le stesse identiche frasi di due mesi fa. Ve le ricordate? «Non mi funziona il collegamento!», «Spegni il cellulare!», «Hai fatto i compiti di matematica?».  E non si preannuncia niente di buono. Dalle scuole continuano ad arrivare comunicazioni ad ogni ora: «Si registra un caso positivo in 3C, in 1A, in 4B». Quanto durerà?

Scuola, caccia ai certificati fasulli per tenere i bimbi in Dad: pressing sui medici di base del Lazio

La situazione a Roma e nel Lazio

È un bollettino quotidiano. Lo confermano i presidi: «Al momento a Roma e nel Lazio calcoliamo due o tre classi a scuola totalmente in Dad. E alle medie e alle superiori non va meglio: già in dad una classe per istituto». E a questo vanno aggiunti i tamponi fatti di continuo. Omicron corre veloce soprattutto tra i bambini. I genitori pure. Ma a stargli dietro non ce la fanno davvero più.

I contagi "a catena" in famiglia

Se in famiglia ci si ammala a turno e non si ha la possibilità di isolarsi (vedi chi ha bimbi piccoli) il confinamento può infatti durare all'infinito. Come fai a chiuderti dentro una stanza quando hai figli non autosufficienti? O a isolare loro senza dover entrare in camera per ogni situazione? Certo se si è vaccinati con tre dosi, e non si hanno sintomi, la situazione cambia visto che non è prevista quarantena ma obbligo di indossare la Ffp2 e autosorveglianza. Ma chi non ha ancora ricevuto il booster o ha figli non vaccinati che si ammalano uno dietro l'altro quanto deve stare chiuso in casa? 

Le regole - le ricordiamo - sono le seguenti: per i non vaccinati, i vaccinati con ciclo primario completato da oltre 120 giorni e per coloro che non hanno completato il ciclo primario quarantena di 10 giorni con test molecolare o antigenico al termine. Vaccinati da più di 120 giorni e con Green Pass ancora valido: 5 giorni di quarantena e test molecolare o antigenico al termine. Ma per chi non ha la possibilità di isolarsi il confinamento può essere infinito: infatti, l’ultima esposizione che un "contatto stretto” ha con il “caso positivo” è il momento in cui il convivente malato effettua un tampone che risulta poi negativo. E allora il tempo al domicilio si allunga, specie se già si è passato un periodo in isolamento perché ci si è ammalati per primi. 

Se non ci sono le condizioni per evitare i contatti con gli ammalati, i conviventi infatti devono stare in casa fino alla guarigione. Ad esempio, se ho 3 figli piccoli, mi sono contagiata per primo, non ho la possibilità di isolarli e loro si ammalano a turno a distanza di giorni l'uno dall'altro dovrò stare in quarantena fino alla negatività dell'ultimo per poi iniziare a contare i miei giorni di quarantena (a seconda dello stato vaccinale).

Sono guarito da 3 mesi, un componente del nucleo familiare è positivo: devo ancora stare in quarantena?

No, in questo caso chi è guarito da meno di 4 mesi o ha già fatto la terza dose di vaccino e convive con un positivo non deve fare la quarantena se è asintomatico. Sarà sufficiente isolare la persona positiva e osservare un periodo di auto sorveglianza di 5 giorni: se entro questo termine compare qualche sintomo, occorre un tampone, altrimenti terminerà il periodo di auto sorveglianza ma occorrerà indossare una Ffp2 per 10 giorni.


Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Gennaio 2022, 08:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA