Risse e feriti nella movida: sangue a piazza Bologna e Trastevere
di Marco Pasqua

Risse e feriti nella movida: sangue a piazza Bologna e Trastevere

Non ci sono state solo le multe e le piazze chiuse per assembramenti, nel bilancio dell’ultimo weekend a Roma. Questa volta, infatti, la movida dei giovanissimi, spesso in preda ai fumi dell’alcol, conta anche 4 feriti, registrati in due pestaggi e risse, avvenute stavolta non al Pincio, ma a Trastevere e piazza Bologna.

Soprattutto sabato, gli agenti della Municipale, insieme a polizia e carabinieri, hanno dovuto faticare non poco per evitare che la situazione degenerasse. Sono stati quasi 150 gli illeciti contestati, dal centro al litorale fino ai parchi e alle ville storiche: assembramenti, mancato uso delle mascherine, vendita e consumo irregolare di alcoli, le principali irregolarità riscontrate. In particolar modo, gli agenti hanno dovuto disperdere la folla, a più riprese, nelle zone più calde della movida: da Monti a San Lorenzo. In alcuni casi, i giovani hanno anche inveito contro i pizzardoni, noncuranti delle multe a cui andavano incontro. 

Roma, rissa-choc a Trastevere: calci e pugni tra giovanissimi (senza mascherine)

Roma, mega raduno a piazza Fiume, ragazzi ballano in strada (senza mascherine): «Bravi così ci richiudono subito»


PAURA A PIAZZA BOLOGNA
A piazza Bologna – dove ogni pomeriggio si danno appuntamento molti giovanissimi, per bere – è stato registrato un vero e proprio pestaggio, culminato nell’arresto di tre persone. Il trio – come documenta un video poi divenuto virale nel canale Risse italiano – ha preso di mira, sabato sera, un ragazzo, senza alcun motivo. La scena è stata notata da quattro poliziotti, liberi dal servizio, che sono subito intervenuti, per evitare che la situazione degenerasse. Ma subito dopo, il branco è riuscito a colpire un altro ragazzo, prima di venire neutralizzato dalla polizia. Tre i feriti: due passanti, uno dei quali, di 26 anni, si è ritrovato con una mandibola fratturata, e un agente di polizia in servizio a Napoli (tre giorni di prognosi). I fermati, R.D., romano di 22 anni, V.C., romeno di 23 anni ed E.A., romano 22enne, dovranno ora rispondere dei reati di resistenza, minacce, lesioni a pubblico ufficiale e lesioni gravi. Due di loro, secondo quanto verificato dagli agenti dei commissariati Porta Pia, San Lorenzo e Tor Carbone, avevano già dei precedenti specifici per rissa. 

Roma, nuova maxi-rissa in piazza del Popolo: si ritrovano in 200 senza mascherina, molti i minorenni

 


RISSA A TRASTEVERE
A Trastevere, invece, i vigili - che hanno ricevuto il plauso della sindaca, Virginia Raggi - sono dovuti intervenire sulla Scalea del Tamburino, da sempre luogo di ritrovo degli under 21. Intorno alle 19 di sabato, diversi giovani, avevano iniziato a picchiarsi. Tutto sarebbe partito da uno scambio di sguardi: sono subito volati insulti e minacce e la situazione è presto degenerata. Tra le 10 persone coinvolte c’erano anche delle ragazze. Quando la polizia locale è arrivata sul posto, quasi tutti i partecipanti alla rissa si sono dati alla fuga. Un ragazzo ferito ha rifiuto le cure mediche, mentre un altro ha iniziato ad inveire contro gli agenti. A Settebagni, la polizia ha trovato una trentina di giovani, che si era radunati e stavano ascoltando la musica in strada: tre sono stati segnalati per possesso di sostanze stupefacenti e una per aggressione a pubblico ufficiale. Infine, nel corso dei controlli sui locali, a Centocelle, un pub è stato chiuso, perché aveva ripetutamente violato le norme anti-Covid.
 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio 2021, 00:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA