Roma, il passeggero che viaggiava sul bus esploso a via del Tritone: «Abbiamo visto il fumo e siamo scappati»
di Veronica Cursi

Roma, il passeggero che viaggiava sul bus esploso a via del Tritone: «Abbiamo visto il fumo e siamo scappati»

«Avevo appena preso l'autobus su via del Tritone vicino alla fermata di piazza Barberini quando dopo 20 metri il mezzo ha cominciato a rallentare. Qualche passeggero, che viaggiava sui sedili posteriori, ha cominciato ad urlare all'autista: "C'è del fumo, fermati". Le porte si sono aperte all'improvviso e la gente ha cominciato a scappare. Appena in tempo».
Daniele Foderà, 28 anni, consulente, era sulla linea 63, il bus esploso stamattina su via del Tritone a pochi passi da largo Chigi. Un miracolo che lui insieme agli altri passeggeri, una ventina, che si trovavano sul mezzo sia rimasto illeso.

LEGGI ANCHE Il barista: «Ho visto io le fiamme e ho avvertito l'autista»

LEGGI ANCHE L'autista eroe ha fatto scendere tutti i passeggeri


«Quando abbiamo visto il fumo uscite dal retro - racconta - inizialmente non abbiamo pensato a una cosa così grave. Da passeggero abituale dei mezzi pubblici sono abbastanza abituato agli autobus che si guastano in mezzo alla strada». Ma stavolta è stato peggio. Stavolta, davvero, ci poteva scappare il morto.
 


«L'autista ci ha detto, "scendete tutti" e la gente ha cominciato a correre per strada. Io ho proseguito a piedi ma non potevo immaginare che di lì a pochi minuti il bus sarebbe letteralmente esploso».
Un boato fortissimo, i vetri in frantumi, i sedili che si scioglievano sotto le fiamme in mezzo a turisti e curiosi che riprendevano con il telefonino, negozianti che si rifugiavano dentro le loro attività, persone che correvano dentro ai bar con le porte chiuse. Un inferno. «Stavolta ci è andata bene», ripete Daniele ancora sotto choc. Appena in tempo.
 
 

Ultimo aggiornamento: 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA