Ciriaco De Mita è morto, a febbraio operato dopo una caduta. L'ex presidente del consiglio e segretario Dc aveva 94 anni

Video

È morto Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio, ex segretario della Dc e sindaco di Nusco (Avellino) in carica. De Mita aveva 94 anni. Il decesso è avvenuto la scorsa notte nella clinica Villa dei Pini di Avellino, dove era ricoverato dal 5 aprile a seguito di un attacco ischemico che l'aveva costretto in un primo momento al ricovero nell'ospedale Moscati. Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni. A dare notizia della morte è stato il vice sindaco di Nusco Walter Vigilante. De Mita a febbraio aveva subito un intervento chirurgico per la frattura del femore dopo una caduta in casa. 

 

 

 

 

Chi era

De Mita era nato Nusco, il 2 febbraio del 1928. E' stato uno dei principali rappresentati della cosiddetta Prima Repubblica. Ha ricoperto la carica di presidente del Consiglio dal 1988 al 1989. Dopo essere stato ministro quattro, era diventato sindaco di Nusco - la sua cittadina natale - nel 2014. Nella sua lunga carriera politica è segretario e presidente Democrazia Cristiana. Si è seduto in Parlamento dal 1963 al 1994 e dal 1996 al 2008. E' stato anche europarlamentare. Alla scomparsa della DC ha fatto parte del Partito Popolare Italiano, della Margherita e infine dell'Unione di Centro. 

 

Il ricordo della politica

 

 

«Un appassionato di politica. Un grande leader che non si è mai tirato indietro nel compiere scelte difficili. E che ha investito come pochi altri sull'apertura della politica ai giovani in un tempo in cui avveniva esattamente l'opposto. Tanti, intensi ricordi». Lo scrive su Twitter il segretario del Pd, Enrico Letta, nel ricordare l'ex presidente del Consiglio, Ciriaco De Mita. «Ci ha lasciato un Grande della Repubblica. Una intelligenza unica, un leader carismatico, un maestro di politica per intere generazioni, giovane fino all'ultimo giorno. Oggi un enorme dolore per tutti noi che gli abbiamo voluto bene», dice invece Dario Franceschini. «Una preghiera per Ciriaco De Mita: al di là delle diverse opinioni, la sua passione per la politica e l'attenzione per la comunità meritano rispetto. Condoglianze alla sua famiglia», commenta Matteo Salvini. «Con Ciriaco De Mita scompare un grande protagonista della politica italiana. Spesso non ho condiviso le sue scelte e le sue idee, ma ho condiviso con lui anni al Parlamento europeo nel gruppo del Partito popolare europeo dove avevamo costruito un bel rapporto umano. Una preghiera. Riposa in pace», scrive su Twitter Antonio Tajani, vicepresidente del partito popolare europeo.

 

 «Uno degli ultimi grandi democristiani se n'è andato spegnendosi nella sua Nusco, quel paesino della montagna avellinese che per tanti anni è stato il crocevia della politica italiana. Ciriaco de Mita è stato a lungo al governo del Paese, ma in realtà ha concentrato le sue energie alla guida della DC e nel tentativo di rinnovarla, in anni molto difficili per la Repubblica. In lui la passione per la politica e l'amore per la sua terra non sono mai venuti meno: si è sempre definito, solo e semplicemente, un democratico cristiano, anche dopo la morte della Democrazia cristiana». Lo dice Pier Ferdinando Casini in una nota.

 

Le parole di Draghi

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime il più sentito cordoglio per la scomparsa di Luigi Ciriaco De Mita. Presidente del Consiglio tra il 1988 e il 1989, più volte Ministro, protagonista della vita parlamentare e politica italiana nella sinistra democristiana, fino all'ultimo è stato impegnato nelle istituzioni locali, come Sindaco del comune di Nusco. Alla famiglia, le condoglianze di tutto il Governo. Si legge in una nota di palazzo Chigi.

 

I funerali

Sarà trasferito nel corso della mattinata a Nusco, nella camera ardente allestita nella casa di famiglia, il feretro di Ciriaco De Mita, il leader della Dc scomparso oggi all' età di 94 anni. Forte il suo legame con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, cui lo accomunava la militanza nella corrente della Sinistra di Base della Dc. Si lega proprio al rapporto con Mattarella una delle ultime uscite pubbliche di De Mita, lo scorso 21 novembre, quando il leader della Dc venne al teatro San Carlo di Napoli in occasione della prima dell' Otello di Martone per salutare l' amico Mattarella. Accompagnato dalla figlia Antonia, De Mita, claudicante ma sempre lucido, si trattenne a braccetto anche con Antonio Bassolino, protagonista con lui della stagione del centrosinistra alla guida della Regione Campania nei primi anni 2000.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Maggio 2022, 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA