Libia, fallisce il vertice Ue: «Soluzione politica». Di Maio vola in Turchia

Naufragata la missione diplomatica dell'Unione europea che avrebbe voluto tentare di convincere le due fazioni libiche a deporre le armi, l'Alto rappresentante Josep Borrell e i quattro ministri degli Esteri di Italia, Francia, Regno Unito e Germania hanno dovuto ripiegare su una riunione a Bruxelles. Per ragioni di sicurezza dopo gli ultimi attacchi, è stata la motivazione ufficiale, anche se a pesare sulla decisione con ogni probabilità è stata anche la contrarietà all'iniziativa lasciata trapelare nei giorni scorsi dal governo di Tripoli di Fayez al-Sarraj, forte ora del sostegno militare garantito dalla Turchia. Nell'incontro, fatto traslocare in fretta e furia nella capitale europea, non si è potuto dunque fare altro che ribadire una serie di appelli di principio già espressi nei giorni scorsi dagli stessi attori che hanno partecipato alla riunione: la necessità del dialogo, l'invito a interrompere le interferenze esterne, la de-escalation. 

LEGGI ANCHE --> Libia, Tripoli lancia controffensiva su Sirte
 

 

Mentre sul campo la realtà procede a passi spediti in tutt'altra direzione, con il generale Khalifa Haftar che sfrutta ogni secondo utile per cercare di guadagnare terreno con le sue truppe, con i soldati turchi che hanno già iniziato a dispiegarsi nel Paese per aiutare Sarraj, con la possibile presenza di mercenari e mezzi russi a fianco delle forze di Bengasi. L'Europa pensa che sia ancora possibile riuscire a fermare con le parole questo marchingegno sempre più veloce e complicato. In Libia «bisogna parlare con tutti e convincerli a un cessate il fuoco», ha insistito il ministro Luigi Di Maio prima di volare alla volta della Turchia per mettere subito in pratica il proposito, incontrando il ministro degli Esteri di Ankara Mevlut Cavusoglu. Il titolare della Farnesina si sposterà poi nel giro di qualche giorno prima in Egitto, Paese vicino invece ad Haftar, e quindi in Algeria e in Tunisia. Una maratona diplomatica che dimostra la volontà italiana di garantirsi un ruolo di mediazione mantenendosi su una posizione equidistante dalle fazioni in lotta. «Ma l'Ue deve parlare con una voce sola», ha ammonito Di Maio a Bruxelles, dicendosi sicuro che le iniziative europee «vedranno un cambio di passo» nei prossimi giorni. Un invito che affonda il coltello in quella che storicamente è una delle debolezze dell'Ue nella sua proiezione sulla politica estera e che fa il paio con l'appello del commissario europeo italiano Paolo Gentiloni, secondo il quale l'Unione europea deve ora «evitare di trovarsi di fronte a fatti compiuti» e farsi superare da una situazione geopolitica che va «più veloce della nostra ambizione». Per ora l'unica iniziativa concreta a livello europeo sembra essere la conferenza sulla Libia di cui si parla da mesi e che a Berlino dovrebbe far sedere intorno a un tavolo tutti gli attori regionali coinvolti in qualche modo nel conflitto.

In Libia «Il nostro obiettivo è raggiungere la pace. Per raggiungere la pace serve un cessate il fuoco e serve immediatamente una data per la conferenza di Berlino, perchè è la conferenza che mette intorno a un tavolo i paesi che hanno interferenze per quanto riguarda la guerra civile libica». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ad Istanbul subito dopo l'incontro con il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu. «Siamo d'accordo ad aprire un tavolo tecnico con la Turchia e anche con la Russia, perchè in questo momento, per trovare una soluzione alla crisi libica» oltre a «partner partner come gli Stati Uniti, ci sono paesi importanti come l Russia, l'Egitto e la Turchia che sono fondamentali». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio al termine del colloquio ad Istanbul con il collega turco Mevlut Cavusoglu. «È importante dialogare con tutti e trovare una soluzione tutti insieme», ha aggiunto Di Maio.



Anche l'Algeria, che era finora stata tenuta fuori, è stata invitata da Angela Merkel a partecipare all'incontro, per il quale tuttavia non è stata fissata ancora nemmeno una data e che continua a slittare. Intanto, mentre tutti osservano gli sviluppi sul terreno, i valzer dei colloqui e delle telefonate incrociate proseguono. Tra i protagonisti c'è naturalmente anche la Russia, con Putin che vedrà prima Erdogan e poi nel fine settimana la cancelliera tedesca. Anche se l'attenzione e la preoccupazione del mondo, probabilmente anche quella dell'Unione europea, in questo momento sembra essere maggiormente concentrata sulla crisi dell'Iran. E tra i corridoi delle istituzioni europee circolano voci, non confermate, sulla possibilità di un vertice a livello di capi di Stato e di governo sulla complessa situazione mediorientale.​
 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Gennaio 2020, 00:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA