Ryanair, la denuncia dei passeggeri: «Aereo pieno, nessuna distanza sociale»
di Alix Amer

Ryanair, la denuncia dei passeggeri: «Aereo pieno, nessuna distanza sociale»

Una video-denuncia rimbalza in queste ore sul web: mostra un volo Ryanair in partenza da Stansted (Inghilterra) diretto a Lisbona (Portogallo), il 13 maggio, senza alcuna distanza sociale. Il corridoio è pieno zeppo di gente. La compagnia aerea ha dichiarato che il 40 percento del suo programma di voli è in esecuzione dal 1° luglio, ma aveva anche garantito che sarebbero state messe in atto misure per ridurre il rischio di infezione.

Viaggi dal 3 giugno, rebus vacanze con gli amici: ammesse oppure no?
Viaggi, chi ha aperto le frontiere? Grecia lo farà il 15 giugno, così dalla Spagna agli Stati Uniti

«Avevano detto che a bordo sarebbe stato chiesto a tutti di indossare maschere, che ai passeggeri sarebbe stato chiesto di fare il check-in con meno bagagli e che sarebbe stato applicato il divieto di fare la fila per i servizi igienici. Ma così non è stato», incalzano i passeggeri che si sono trovati spiazzati davanti ai pochi controlli.

Il video girato sabato pomeriggio mostra l’aereo pieno di gente mentre si prepara a partire da Stansted. «E intanto gli esperti raccomandano di mantenere una distanza di due metri tra le persone per ridurre al minimo il rischio di trasmissione del virus», scrivono su Twitter gli utenti. In sottofondo nel filmato si sente la voce di chi riprende con il cellulare: «Ryanair è così entusiasta di fare più soldi possibili e riempire l’intero volo». «Ma non c’è nessuna distanza di alcun tipo. Assolutamente». Molti dei passeggeri nel video indossano mascherine, ma una didascalia sul video afferma «che gli assistenti non le avevano».
Questa mattina su Good Morning in Gran Bretagna, il Ceo di Ryanair, Michael O’Leary ha dichiarato: «Dal 1 luglio effettueremo circa 1.000 voli al giorno, portando centinaia di migliaia di famiglie britanniche all’estero in Spagna, Francia, Portogallo. Sarà ragionevolmente facile, ma sarà insolito nel senso che bisognerà sottoporsi a un controllo della temperatura per entrare in aeroporto e indossare mascherine per tutta la durata del viaggio. A parte questo, non ci saranno molte differenze».
I voli che sono già ripresi altrove in Europa hanno visto sorgere diverse discussioni tra passeggeri proprio a causa del distanziamento sociale. Alla domanda se fosse preoccupato che i sistemi di condizionamento dell’aria sugli aerei potessero aiutare a diffondere il virus a bordo, O’Leary ha detto: «L’aereo ha filtri di condizionamento a livello ospedaliero. Gli stessi che vengono utilizzati nelle sale operatorie. L’altra differenza fondamentale è che sia i passeggeri che l’equipaggio di cabina indosseranno mascherine».
Il video arriva mentre il Regno Unito si prepara ad iniziare ad allentare le sue misure di blocco.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Maggio 2020, 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA