Ragazzino scompare durante la raccolta delle lumache: i resti ritrovati nello stomaco di un coccodrillo

video
di Federica Macagnone

Ha lottato fino alla fine con tutta la forza che aveva, ma lo scontro era impari, la sua sorte era già segnata: il bestione di quattro metri che lo ha assalito non gli ha lasciato via di scampo. I resti di Ricky Ganya, 14enne malese, sono stati ritrovati nello stomaco di un coccodrillo che lo ha attaccato sulle sponde di un fiume a Kuching mentre raccoglieva lumache.

«Virus, 260 positivi a scuola», panico in Georgia: tamponi e test a raffica nella zona

Coronavirus, focolaio su nave da crociera in Norvegia: 40 positivi, ma 178 sono già sbarcati


 

Trascinato nel fiume

 
Il 26 luglio scorso il ragazzo era con alcuni familiari quando è stato aggredito dall’animale che, da sotto il pelo dell’acqua, ha fatto un balzo in avanti afferrandogli un piede e trascinandolo nel fiume. Il ragazzo ha provato a divincolarsi, ma non ha potuto far nulla contro la forza dell’animale.
 

L'allarme lanciato dalla zia


A far scattare l’allarme è stata una zia che ha assistito alla scena: quando i servizi d’emergenza sono arrivati sul posto, di Ricky non c’era più traccia. Per giorni la famiglia ha sperato che il ragazzo fosse riuscito a liberarsi dalla presa e che, magari gravemente ferito, non fosse riuscito a ritornare a casa.
 

Le ricerche


Una speranza che si è infranta contro la triste realtà solo quattro giorni dopo, quando gli agenti della “Sarawak Fire and Rescue Operations Center” hanno teso una trappola al coccodrillo: hanno usato un pollo abbandonandolosulla riva a circa tre miglia di distanza dal luogo dall’aggressione. Quando il coccodrillo è balzato fuori dall’acqua è stato catturato e ucciso: nel suo stomaco c’erano i resti di Ricky e i suoi abiti. «Abbiamo consegnato tutto alla famiglia - ha detto uno dei soccorritori - Devono potergli dare l’ultimo saluto».

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Agosto 2020, 19:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA