Portogallo, allo stremo: la federcalcio allestisce posti letto nei centri sportivi
di Stefania Piras

Covid, Portogallo allo stremo: boom ricoveri, La federcalcio offre posti letto nei centri sportivi

Il Portogallo sta sventolando bandiera bianca: il paese che il 24 gennaio andrà al voto, è allo stremo e inizia a dare segnali allarmanti sulla gestione della pandemia Covid. I medici negli ospedali portoghesi dicono di essere esausti e disperati, mentre il governo ha ordinato di chiudere tutte le scuole e le università per 15 giorni da venerdì per cercare di rallentare il contagio. «Non abbiamo abbastanza risorse umane», ha detto Guida da Ponte, vice capo di un sindacato di medici vicino a Lisbona all'agenzia Reuters raccontando la mancanza cronica di letti di terapia intensiva. C'è solo un problema: di letti se ne potrebbero allestire altri, «ma non abbiamo i professionisti», ha detto da Ponte. «I medici sono disperati». Usa proprio la parola "disperazione".  Il giornale Correio da Manhã riferisce di un morto ogni sette minuti.

 

In numeri: 10 milioni abitanti, 556.503 casi e 9.686 morti da inizio pandemia, 13.544 infezioni nelle ultime 24 ore. Il Portogallo ha il più alto tasso di nuovi positivi al mondo. L'autorità sanitaria del Portogallo ha riportato un record di 221 morti giornaliere di Covid-19.

Due giorni fa si registrava un altro dato drammatico: solo 8 posti disponibili in terapia intensiva. In tutto i posti letto sono 672. Il Portogallo, che ha assunto la presidenza semestrale dell'Unione Europea, ha il più basso numero di terapie intensive di tutta l'Europa in rapporto agli abitanti. 

 

Il paese più povero dell'Europa occidentale ha affrontato bene la prima ondata della pandemia l'anno scorso, ma è stato sommerso nelle ultime settimane da una variante del virus che si è diffusa più velocemente, registrando il più alto tasso di infezione e di morte al mondo. Le ambulanze fanno la fila fuori dagli ospedali, in attesa che i letti diventino disponibili. Un uomo anziano è morto in un'ambulanza dopo aver aspettato all'interno del veicolo per tre ore martedì nella città di Portalegre. «Abbiamo il dovere civico di rafforzare il lockdown», ha detto il primo ministro Antonio Costa, citando la variante inglese del virus che si sta diffondendo rapidamente e che potrebbe raggiungere il 60% dei nuovi casi nelle prossime settimane, da circa il 20% attuale. Tra le nuove restrizioni c'è anche il divieto di asporto.  

La federcalcio portoghese sta cominciando ad allestire posti letto presso i suoi centri sportivi.

 

 

I pazienti stanno già ricevono già cure mediche nella "Coverciano" portoghese trasformata in ospedale da campo. La casa degli atleti, situata nella cittadella del calcio, a Oeiras, ha già iniziato il processo di ammissione dei pazienti che hanno bisogno di ricovero e sorveglianza medica, si legge in un comunicato della Federazione. «Le strutture sono state così riconvertite in un'unità ospedaliera  per alleggerire i reparti e gli ospedali nazionali. Il sito che, in condizioni normali, serve ad ospitare le squadre nazionali è stato messo a disposizione del Ministero della Salute».

«Di fronte a questa nuova variante e alla velocità della sua trasmissione dobbiamo esercitare cautela e interrompere tutte le attività scolastiche per i prossimi 15 giorni», ha detto. Anche i tribunali sospenderanno i casi non urgenti, ha detto Costa. La Chiesa vuole sospendere tutte le messe pubbliche da sabato. Senza aspettare l'annuncio del governo, alcuni amministratori locali avevano già invitato i genitori a tenere i loro figli a casa. Ricardo Mexia, capo dell'associazione dei medici della sanità pubblica, ha detto che le autorità non si sono preparate adeguatamente dopo aver allentato le restrizioni per le vacanze di fine anno. «La decisione di chiudere le scuole arriva troppo tardi, ma è importante per ridurre il contagio», ha detto. «Non abbiamo i mezzi per condurre indagini epidemiologiche, non abbiamo reclutato abbastanza persone, non abbiamo formato le persone... Temo che i numeri peggioreranno ancora di più». Nel quadro di un lockdown iniziato la settimana scorsa, tutti i servizi non essenziali sono chiusi e la gente è invitata a rimanere a casa. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Gennaio 2021, 22:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA