Gucci, il maglione da 890 dollari ritirato dal mercato per colpa del collo alto: cosa è successo
di Luca Calboni

Gucci, il maglione da 890 dollari ritirato dal mercato per colpa del collo alto: cosa è successo

Ottocento novanta dollari per il nuovo Balaclava, un maglione a collo altissimo, della famosa maison Gucci. Il prestigioso golf di colore nero ha - o meglio, aveva - la peculiarità di avere sul collo molto alto una fessura all'altezza delle labra, che le lasciava scoperte, permettendo di tirare il maglione fin sotto il naso. Il golf, secondo alcuni post virali, sembrava assomigliare molto a un passamontagna, mentre altri utenti hanno espresso le loro perplessità e critiche sul capo di abbigliamento, che sembrava essersi trasformato in un tributo al blackface: con questo termine infatti si indicava il trucco che, all'inizio del XIX secolo gli attori utilizzavano per ricoprire in maniera stilizzata e stereotipata la parte di una persona di colore. E con il passare degli anni questo tipo di trucco teatrale si è trasformato in una stereotipizzazione razzista della black people.


Sui social è partita quindi la tempesta contro Gucci, mentre alcuni stilisti hanno invece deciso di difendere il Balaclava della nota casa di moda. Nonostante il dibattito, Gucci alla fine ha deciso di arrivare alla drastica decisione di ritirare dal mercato il contestato maglione.
 
«Consideriamo la diversità un valore fondamentale» si legge nel comunicato dell'azienda, che si impegna anche a «trasformare questo incidente in un potente momento di apprendimento». Gucci è il terzo marchio italiano a finire nell'occhio del ciclone delle polemiche social, dopo che a dicembre Prada era stata costretta a ritirare dal mercato una sua linea di accessori, e Dolce & Gabbana si sono ritrovati in profondo imbarazzo con la loro clientela cinese.

 
Ultimo aggiornamento: 16:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA