Milano, il blitz nella notte: cambiati i nomi alle strade. Ecco cosa è successo

Milano, il blitz di "Non una di meno" cambia i nomi alle strade: «Sempre dedicate a uomini, stupratori e colonizzatori»

A Milano nella notte sono spuntate via Ipazia e via Rossana Rossanda, via Margherita Hack e largo Tina Modotti, nuove targhe adesive che hanno sostituito le intitolazioni a uomini celebri in un blitz delle femministe di Non una di meno, documentato sui social in vista dell'8 marzo.

 

 

 

«Le vie e le piazze della nostra città - si legge su Facebook - sono quasi sempre dedicate a uomini bianchi, spesso colonizzatori e stupratori o sterminatori in qualche guerra. Questo 8 marzo abbiamo deciso di modificare la toponomastica, scegliendo alcune donne e persone LGBTQIA + da ricordare nello spazio pubblico». 

 

«Con questa azione simbolica - spiegano le femministe - vogliamo iniziare a buttar giù il muro dell ' invisibilità dietro al quale, da secoli, le donne e le persone lgbtqia + vengono tenute. Via per via, piazza per piazza butteremo giù questo muro». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Marzo 2021, 09:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA