Milano, incassa per 23 anni la pensione del papà morto: sequestrati 407mila euro. «Smascherata per un passo falso»

Incassa per 23 anni la pensione del papà morto: sequestrati 407mila euro. «Smascherata per un passo falso»

Per 23 anni ha incassato la pensione del padre morto, sfruttando un errore all'Anagrafe: ma è stata scoperta dopo aver fatto un clamoroso passo falso. Ora dovrà restituire circa 407mila euro, cioè la somma che nell'arco di questi quasi cinque lustri la figlia ha percepito dall'Inps in modo indebito. Accade a Milano, dove una donna di 73 anni, sfruttando «un errore nella registrazione della data di nascita» del padre all'Anagrafe tributaria e non comunicando che era morto nel '94, ha continuato per più di 23 anni, fino al settembre del 2017, ad incassare «la pensione mensile» del genitore.

Milano, la villetta degli orrori: 16 cuccioli trovati tra rifiuti e escrementi. In casa anche una pistola

Il gip di Milano Guido Salvini, nell'inchiesta del pm Cristiana Roveda, ha disposto il sequestro preventivo della enorme somma, circa 407mila euro. La donna, come si legge nel provvedimento, nel settembre di quattro anni fa decise di chiudere il conto cointestato col padre, «una misura accorta e prudenziale - scrive il gip - volta ad interrompere il comportamento illecito per lungo tempo messo in atto, ma nel contempo a cancellare le tracce della appropriazione commessa in danno dell'Inps».

L'istituto pensionistico, dopo questa 'mossa', effettuava «una verifica sull'esistenza in vita del titolare» che avrebbe avuto ormai «110 anni» e veniva a conoscenza «del decesso» avvenuto il 5 marzo '94, «oltre al fatto che risultava nato il 28.07.1911, anziché il 27.07.1911 come invece da Anagrafe Tributaria». Un errore di cui ha approfittato la donna che, sempre stando agli atti, ha pure «trasformato gli assegni ricevuti» negli anni «in bonifici esteri, ragione per cui le somme indebitamente percepite non sono più direttamente recuperabili». Disposto ed eseguito dalla Gdf, dunque, «il sequestro per equivalente delle risorse patrimoniali, economiche e finanziarie riferibili» della 73enne, proprietaria col marito di metà di un immobile a Buccinasco, nel Milanese, e pensionata.


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Luglio 2021, 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA