Sospetta trombosi dopo il vaccino J&J: ricoverato un 34enne. Ma l'ospedale specifica: «Nessuna correlazione»

Sospetta trombosi dopo il vaccino J&J: ricoverato un 34enne. Ma l'ospedale specifica: «Nessuna correlazione»

Un uomo di 34 anni è ricoverato al Policlinico San Martino di Genova per una sospetta trombosi dopo essere stato vaccinato con il vaccino anti Covid di Johnson&Johnson. Lo dichiara lo stesso ospedale genovese in una nota, in cui informa che «un paziente maschio di 34 anni è stato trasferito presso le nostre strutture con una probabile sindrome trombocitopenica trombotica. Vaccinato con Johnson & Johnson il 5 di giugno, al momento della sintomatologia si trovava in 11esima giornata post-vaccinale».

 

Leggi anche > Bollettino Covid di mercoledì 16 giugno: 52 morti e 1.400 casi

 

In una nota diffusa successivamente il Policlinico San Martino specifica però che «l'indagine per la ricerca degli anticorpi anti PF4 è risultata negativa e pertanto non esistono correlazioni tra il grave quadro clinico e la somministrazione del vaccino». «Durante le prime fasi del ricovero - aveva spiegato l'ospedale genovese - accanto all'elemento distintivo del calo delle piastrine, si è manifestata una sindrome neurologica trattata rapidamente e con successo dal nostro hub neuroradiologico. È stata avviata l'indagine per la ricerca degli anticorpi anti PF4 per confermare il sospetto di sintesi trombotica».

 

Leggi anche > Camilla Canepa, i funerali: il feretro coperto di fiori bianchi

 

«È stata iniziata la terapia con anticoagulanti, come previsto dal protocollo di Alisa, per la gestione diagnostico terapeutica degli eventi tromboembolici post vaccinazione con vaccino a vettore virale. Attualmente il paziente è cosciente e al completamento della fase diagnostica sarà trasferito presso la Terapia Intensiva Generale del Monoblocco», si legge nella nota. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Giugno 2021, 09:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA