Matteo Messina Denaro, Striscia la Notizia: «Poteva essere arrestato nel 2012»

Il rapporto dettagliato sui movimenti del boss di Cosa Nostra, secondo l'ex dirigente generale della polizia di Stato, Antonio del Greco, fu ignorato dagli inquirenti

Video

di Redazione Web

L'arresto di Matteo Messina Denaro è sicuramente la notizia più importante dell'inizio del 2023. Ma a Striscia la Notizia arriva una rivelazione scioccante. Il superlatitante di Castelvetrano avrebbe potuto essere arrestato nel 2012. Il tg satirico di Canale 5 ha intervistato l'ex dirigente generale della polizia di Stato, Antonio del Greco, che avrebbe rivelato in esclusiva a Jimmy Ghione che l'arresto poteva avvenire già 11 anni fa.

Leggi anche > Matteo Messina Denaro, il mistero degli abiti da donna nel covo: è caccia all'amante del boss

L'intervista

 

Il rapporto stilato da del Greco venne ignorato. Questa la versione rilasciata nell'intervista esclusiva rilasciata a Jimmy Ghione a Striscia la Notizia. «Nel 2012 sono entrato in contatto con una fonte che sosteneva di avere informazioni su Messina Denaro - racconta del Greco -. A mio modo di vedere quelle informazioni erano molto verosimili. Tra le altre cose, la fonte rivelò che alcuni agenti di polizia impiegati nella ricerca del boss di Cosa Nostra soggiornavano, a loro insaputa, in alberghi la cui proprietà era riconducibile al boss di Castelvetrano. Che in quelle occasioni, annusando il pericolo, prendeva un motoscafo e fuggiva in Tunisia, in attesa di tornare in Sicilia».

Ignorato

Eppure, nonostante del Greco avesse informato ufficialmente la sua direzione centrale con un rapporto dettagliato con nomi e luoghi, che sarebbe dovuto arrivare agli organi inquirenti, non successe nulla. «Per tanto tempo ho atteso un riscontro, una telefonata. La fonte stessa mi sollecitava dicendosi disponibile a fornire qualsiasi indicazione utile a condurre gli inquirenti nei luoghi segnalati nel rapporto. Ma non si seppe più nulla, fino ai giorni nostri», conclude del Greco.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Gennaio 2023, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA