Matteo Messina Denaro, il mistero degli abiti da donna nel covo: è caccia all'amante del boss

Dopo il ritrovamento di abiti femminili nell'armadio del boss di Castelvetrano, gli inquirenti sono a lavoro per trovare la donna che presumibilmente è stata sua amante in questi anni di latitanza

Video

Le indagini su Matteo Messina Denaro continuano senza sosta. E dopo aver messo a soqquadro tutti i covi in cui ha vissuto il super boss di Castelvetrano, un nuovo mistero deve essere risolto dagli investigatori. Tra i ritrovamenti avvenuti nei bunker del boss mafioso, infatti, spuntano anche degli abiti da donna che fanno ipotizzare che potesse avere un'amante

Leggi anche > Giacca «in stile Matteo Messina Denaro»: a Napoli il boss fa tendenza, e spunta anche il video su TikTok

Abiti femminili

 

Non solo fiancheggiatori, sodali e prestatomi vari, dunque, ma Messina Denaro poteva probabilmente contare anche su una donna, un'amante, che avrebbe ospitato spesso all'interno dei covi. Tra documenti, libri, gioielli e quadri, infatti, in casa del superlatitante sono stati rinvenuti anche molti vestiti di lusso e abiti femminili. I vestiti in questione si trovavano all'interno degli armadi dell’abitazione di via San Vito. E gli inquirenti ipotizzano la presenza assidua di una donna all'interno del bunker.

 

L'ipotesi

Il ritrovamento fa pensare non a un incontro fugace o occasionale, ma a una vera e propria relazione stabile che il boss mafioso ha avuto in questi anni di latitanza nella provincia di Trapani. Un'ipotesi che sarebbe confermata anche da diverse voci che parlano di una donna che frequentava anche la precedente residenza segreta di Matteo Messina Denaro, quella di via San Giovanni da dove il boss sarebbe andato via diverso tempo fa. L’edificio è stato indicato dal titolare della ditta di traslochi che il boss aveva incaricato di trasportare i mobili e gli elettrodomestici per il trasferimento. L’uomo, dopo l’arresto del latitante, ha contattato gli inquirenti indicando il precedente covo e il lavoro svolto, affermando però che mobili e cassetti erano già vuoti all’arrivo degli operai.

Caccia alla donna

Al momento, ovviamente, non esiste alcuna certezza che nella vita di Messina Denaro esistesse un'amante. Ma si suppone possa essere una donna del posto, secondo quanto ricostruito da Il Messaggero. Quegli abiti, infatti, difficilmente potrebbero essere una dimenticanza, ma segno di qualcuno che frequentava casa dal boss. E proprio sui rapporti umani avuti dal boss in questi 30 anni di latitanza, carabinieri e polizia, lavorano per cercare di individuare la fitta rete di fiancheggiatori dell'uomo che hanno coperto ogni suo spostamento e attività. Spostamenti e rapporti che gli inquirenti stanno cercando di ricostruire dai documenti trovati nei covi e dall'analisi dei cellulari che sono stati sequestrati al latitante e agli accompagnatori al momento dell'arresto. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Gennaio 2023, 23:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA