Seconde case, cambiano le regole sugli spostamenti: cosa dice il nuovo decreto

Seconde case, cambiano le regole sugli spostamenti: cosa dice il nuovo decreto

Spostamenti tra comuni e tra regioni, cambiano le regole sulle seconde case. Con il nuovo decreto approvato dal Governo e le varie singole ordinanze firmate dai governatori e dai sindaci, cambiano le norme e la possibilità di spostarsi verso l'abitazione in cui non si è residenti non è più la stessa di prima, ma cambia a seconda della fascia di colore in cui si trova la propria Regione.

 

Leggi anche > Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi mercoledì 14 febbraio

 

Come scrive il Corriere della Sera, nelle Regioni in zona gialla e in quelle in zona arancione si può andare nelle seconde case anche se si trovano fuori dalla propria Regione di residenza. Ma con delle limitazioni: innanzitutto la regola del nucleo familiare, che prevede che nella seconda casa possa andarci solo il nucleo convivente, non con amici e parenti e solo se la casa è disabitata. Ovviamente può andarci solo chi dimostra di averne titolo (cioè i proprietari o gli affittuari della seconda casa, a patto che lo siano da prima del 14 gennaio 2021).

 

Non è consentito invece lo spostamento nella propria seconda casa se quest'ultima si trova in una Regione in zona rossa o in fascia arancione scuro: allo stesso modo, chi vive in Regioni che rientrano in queste due fasce non possono spostarsi verso la loro seconda casa perché è vietato uscire dal proprio Comune di residenza se non per esigenze di salute, lavoro o altre urgenze, e sempre muniti di autocertificazione.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Febbraio 2021, 13:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA