Operaio precipita dall'impalcatura per il vento e muore in strada
di Matteo CAIONE

Lecce, operaio precipita dall'impalcatura per il vento e muore in strada

Un operaio di 56 anni, Roberto Pulli, originario di Arnesano, è morto questa mattina a Monteroni, mentre effettuava lavori di ristrutturazione della facciata di un palazzo. L'uomo, che non indossava il casco né altri dispositivi di protezione individuale, è caduto da un trabattello esterno con rete posto a 10 metri di altezza, probabilmente a causa di una folata di vento. Nella caduta si è trascinato la struttura su cui stava effettuando i lavori.
Purtroppo per l'uomo la caduta non gli ha lasciato scampo ed è morto sul colpo per le ferite riportate. Con lui c'era anche un secondo operaio che per fortuna non si trovava sull'impalcatura al momento dell'incidente. La tragedia è avvenuta alle 10.30 circa all'angolo tra viale Trieste e via Cesare Battisti. Sul posto il personale del 118 e i carabinieri per i rilievi e i tecnici dello Spesal. Da accertare le modalità con le quali venivano svolti i lavori.
 

«Questa ennesima, amara esperienza di oggi suggerisce ancora una volta che se non si investe in sicurezza le conseguenze possono essere gravissime. Per questo, anche a costo di sembrare ripetitivi, non dobbiamo mai smettere di ricordare a tutti che con la pelle dei lavoratori non si può scherzare». È l’accorato appello che i segretari generali della Uil e Feneal Uil di Lecce, rispettivamente Salvatore Giannetto e Paola Esposito, rivolgono alle Istituzioni dopo l’incidente mortale che è costato la vita a un 56enne di Arnesano, deceduto in seguito a una caduta da nove metri di altezza da un’impalcatura mobile. «È probabile che la causa sia da addebitare al forte vento – sottolineano – ma di sicuro non sono state adottate tutte le misure di sicurezza e protezione. Pertanto riteniamo che i temi della sicurezza, della legalità e della vigilanza siano quanto mai attuali e che debbano essere concretizzati. Ci appelliamo ancora una volta alle istituzioni affinché il mondo dell’edilizia sia monitorato con costanza e continuità per evitare simili tragedie».Per i segretari provinciali di Uil e Feneal è tempo di allargare l’orizzonte: «Bisogna puntare decisamente – dicono – a costruire una vera e propria cultura della sicurezza sul lavoro. E per riuscirci c’è una sola strada disponibile e praticabile: quella della scuola. Bisogna cominciare dai banchi ad insegnare quanto sia importante la sicurezza, anche in autotutela, ai lavoratori di domani».
 
Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA