A Napoli lungomare bloccato fino alle 4 dalla movida: «Notte di follia». Al Vomero picchiati due vigili

Napoli, traffico bloccato fino alle 4 del mattino, assembramenti e bivacchi, schiamazzi, risse tra giovani e residenti esasperati a filmare il tutto. Chi si è trovato dalle parti del lungomare di Napoli la scorsa notte per il primo sabato post lockdown parla di «una follia collettiva». Migliaia di persone, anche senza mascherina, si sono riversati in strada, a piedi o con le auto, con i marciapiedi utilizzati come corsie preferenziali da auto e moto, nonostante i locali della movida abbiano rispettato il limite della chiusura alle 23.
 
 


Leggi anche > Movida fase 2. Gabriele Muccino: «Qui Milano, abbiamo un problema»​

Due agenti della Polizia municipale di Napoli sono stati aggrediti ieri sera mentre erano impegnati in controlli a via Aniello Falcone, strada panoramica del quartiere Vomero molto frequentata dai giovani la sera e nel weekend per la presenza di numerosi bar. Un giovane avrebbe reagito alla richiesta di documenti da parte dei due agenti, colpendoli con calci e pugni. Il giovane è stato identificato e denunciato, mentre i due agenti sono stati refertati con prognosi di 7 giorni.

La Polizia municipale di Napoli, diretta dal comandante Ciro Esposito, è stata impegnata ieri sera in tutte le zone della «movida» partenopea nei controlli anti assembramenti e sul rispetto dell'orario di chiusura delle ore 23 per bar, «barettì, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, previsto dall'ordinanza numero 49 della Regione Campania. Divieto, quest'ultimo, rispettato dagli esercenti in tutti i luoghi di maggior aggregazione, dai »baretti« di Chiaia alla zona degli chalet di Mergellina, così come a piazza Bellini e nel resto del Centro storico.

Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Maggio 2020, 13:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA