Medici di famiglia, sbloccati gli aumenti contrattuali ma dovranno essere reperibili tutta la giornata

Medici di famiglia, sbloccati gli aumenti contrattuali ma dovranno essere reperibili tutta la giornata

Sbloccati gli incrementi contrattuali per i medici di famiglia, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali. Lo prevede il Dl imprese. «Al fine di corrispondere al maggior impegno richiesto ai medici convenzionati per garantire la continuità assistenziale durante l'emergenza in corso - si afferma - la norma anticipa gli effetti economici relativi all'Accordo collettivo nazionale 2016-18 previsti per la Medicina convenzionata».
Ad oggi nessuna delle 3 categorie ha ricevuto tutti gli incrementi contrattuali previsti.

Leggi anche > Coronavirus, 100 medici morti in Italia dall'inizio della pandemia: oggi altri 4 decessi

I medici di famiglia dovranno garantire la «reperibilità a distanza per tutta la giornata, anche con l'aiuto del personale di studio, in modo da contenere il contatto diretto e limitare i rischi di contagio di medici e personale stesso». Per questo dovranno dotarsi di sistemi di piattaforme digitali per la teleassistenza. Le Regioni forniranno inoltre saturimetri, da distribuire ai pazienti, per la misurazione dell'ossigeno nei videoconsulti. Lo prevede il Dl imprese, che a tal fine norma lo sblocco degli aumenti.

Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Aprile 2020, 11:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA