Matrimoni, compleanni e rave: l'Italia che se ne frega. Ricevimento con 200 ospiti diventa focolaio, mamma positiva invita 60 persone al party
di Giammarco Oberto

Matrimoni, compleanni e rave: l'Italia che se ne frega. Il ricevimento con 200 ospiti diventa un focolaio, mamma positiva invita 60 persone al party

Matrimoni che diventano focolai, serate danzanti nei bar, feste di compleanno che finiscono in isolamento fiduciario. Rave party fino all'alba, non uno con la mascherina. Cronaca di un'Italia che entra ad ampie falcate nella seconda ondata di Covid ma che non sa rinunciare alle feste. Dove spesso c'è un imbucato: l'ospite positivo che manda tutti in quarantena.

Leggi anche > Covid a Torre del Greco, sei nuovi casi. Paura contagi, preside chiude la scuola


IL MATRIMONIO. Una festa di matrimonio tenutasi all'inizio della scorsa settimana ha fatto esplodere un focolaio di contagi a Monte di Procida, nel Napoletano. C'erano 200 invitati, i positivi sono già 13, in poche ore. Il sindaco Giuseppe Pugliese ha chiuso fino a domani scuole, parchi pubblici e privati, sale giochi e scommesse, circoli per anziani.

 

Leggi anche > Covid, virus può resistere fino a 28 giorni sulle superfici: dai cellulari alle banconote dove sopravvive di più


IL COMPLEANNO. La mamma aveva febbre e tosse ma ha deciso lo stesso di organizzare la festa di compleanno per il figlio, anzi, addirittura spezzandola in due per invitare solo 30 persone per volta. Succede a Ladispoli, sul litorale romano. Risultato: lei è positiva e rischia una denuncia penale, i suoi ospiti - 60 persone - sono state costrette all'autoisolamento e a sottoporsi a loro volta ai test.

Leggi anche > Coronavirus e feste private, il ministro Speranza da Fabio Fazio: «I controlli? Con le segnalazioni». E scoppia la polemica


IL RAVE. Hanno ballato accalcati tutta la notte, tutti senza mascherina, in un capannone abbandonato. L'arrivo all'alba dei carabinieri ha guastato il rave party di 300 giovani a Settimo Torinese. Tutti sono stati identificati. Altri 50 hanno scelto Pino, sulla collina di Torino, per il rave illegale. E anche lì sono arrivate le divise.


IL PESTAGGIO. Savona, l'equipaggio di una Volante ferma sabato sera un uomo che non indossa la mascherina. Lo invitano a farlo, quello reagisce aggredendo i due agenti, che lo ammanettano. In un attimo sono circondati da altre sei o sette persone minacciose: hanno dovuto sparare due colpi di pistola in aria come deterrente. Il fermato si dilegua con le manette ai polsi.


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Lunedì 12 Ottobre 2020, 13:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA