Green pass e quarantena, l'Italia riparte: dalla scuola ai viaggi. Cosa succede da oggi

Green pass e quarantena, l'Italia riparte: dalla scuola ai viaggi. Cosa succede da oggi

Inizia oggi la nuova fase di uscita graduale dalla pandemia da Covid-19, con le riaperture e gli allentamenti previsti dal governo.


TRA I BANCHI. Le nuove norme obbligano le scuole a rivedere le misure applicate finora. Le lezioni continuano in presenza fino a quattro casi di positività in classe. Quindi, se in una classe di scuola primaria con quattro o meno contagi era scattata la Dad nei giorni scorsi, da stamane si torna a scuola Il periodo di quarantena di cinque giorni si applica anche agli studenti che «alla data del 5 febbraio siano già sottoposti a tale misura senza che questa sia ancora cessata, ovvero che si trovino in quarantena da almeno cinque giorni. Resta fermo che la cessazione della misura è condizionata all'esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare».


ZONE ROSSE. Il nuovo decreto ha eliminato le restrizioni delle zone rosse per chi è in possesso del green pass rafforzato.


VALIDITÀ. La scadenza delle certificazioni Covid-19 rilasciate dopo la terza dose è illimitata, non sono richieste ulteriori vaccinazioni. Allo stesso regime è equiparato chi, dopo il completamento del ciclo primario, ha contratto il Covid ed è guarito. Il green pass rilasciato a chi ha avuto il virus e in seguito ha fatto due dosi vale invece sei mesi: per ottenere la validità illimitata bisogna sottoporsi alla terza dose. Con due dosi si ha il green pass valido sei mesi.


VIAGGI. Se chi arriva da uno Stato estero è guarito da più di 6 mesi (e vuole soggiornare in albergo, andare a sciare o partecipare a un evento (sfilate, etc) può accedere ai servizi e alle attività per i quali è previsto il green pass rafforzato facendo un test antigenico rapido (validità 48 ore) o molecolare (validità 72 ore).


Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Febbraio 2022, 13:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA