Elisa Pomarelli, il dolore della sorella: «Il lupo ti ha presa, ma non lo abbiamo riconosciuto»

Elisa Pomarelli, il dolore della sorella: «Il lupo ti ha presa, ma non lo abbiamo riconosciuto»

La notizia della cattura di Massimo Sebastiani, prima. Quella del ritrovamento di Elisa, poi. La famiglia Pomarelli, con le sorelle di Elisa, Francesca e Debora, mamma Maria Cristina e papà Maurizio, ha perso la speranza di riabbracciare la ragazza di 28 anni scomparsa per 14 giorni prima del tragico epilogo.

Leggi anche > Omicidio di Piacenza, la confessione di Massimo Sebastiani: «Ero ossessionato da lei e l'ho uccisa»
Leggi anche > Omicidio Piacenza, arrestato anche l'ex suocero di Massimo Sebastiani: «Lo ha aiutato nella fuga, sapeva tutto»



Ora è il momento del dolore, e del ricordo. Repubblica riporta le parole della sorella di Elisa: «Ti ricordi quanto da piccole eravamo rimaste impressionate dal film del lupo mannaro e di quanto nella nostra testa eravamo convinte che abitasse al piano superiore della casa di nonna? Non abbiamo mai realizzato che il male potesse esistere davvero. Ora il Lupo ti ha presa, e né io né te lo abbiamo riconosciuto, perché era nella sue sembianze umane. Questa volta eri sola e io non riesco a darmi pace».

Anche su Facebook si affollano i messaggi in ricordo di Elisa e quelli di sostegno alla famiglia Pomarelli. «Sei una stella troppo bella - scrive sui social Arianna belforti, una delle più care amiche della giovane -  e non dovevi lasciarci ora e volare in cielo in questo modo ingiusto macabro è troppo presto, avevo e avrò per sempre bisogno di te! Mi hanno strappato un pezzo di cuore. Ti amo di bene e questo nessuna distanza lo cambierà mai. Rimarrai la migliore amica che si possa mai desiderare di avere e di incontrare».
Domenica 8 Settembre 2019, 13:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA