Il concorso per funzionario della cultura, gli errori nei quiz fanno il giro del web

Il concorso per funzionario della cultura, gli errori nei quiz fanno il giro del web

Domande imprecise, errori nelle risposte e quesiti di dubbia risoluzione. Fa discutere il quiz per il concorso al ministero degli Esteri, profilo "funzionario promozione culturale". Sui social, nei gruppi dedicati alla competizione, rimbalzano e si moltiplicano le segnalazioni, nonché i messaggi di scoraggiamento, di chi tra due giorni affronterà la preselezione. «Abbiamo inviato delle lettere alle istituzioni e agli organizzatori», fanno sapere alcuni dei candidati.

Le prove preselettive del concorso per titoli ed esami per 44 persone da inquadrare nel profilo di 'Funzionario dell'area della promozione culturale', si svolgeranno alla Nuova Fiera di Roma dal 16 al 18 gennaio 2019. E per prepararsi al test, i candidati hanno utilizzato la banca dati, senza griglia delle risposte, delle domande pubblicate on line. 
Alla domanda 1.317 la data del film 'Ossessione' di Luchino Visconti (indicata come 1942) è sbagliata poiché la pellicola è uscita un anno dopo, nel 1943. E ancora la 1.215 recita: "Com'è intitolata l'opera di Giulio Paolini (datata 1940) nata dalla sovrapposizione di tre dischi trasparenti con incise tre lettere, alludendo a un punto reale e definito dello spazio? A: Qui. B: Qua. C: Lì". Ma l'artista nasce proprio nel 1940 (il 5 novembre, a Genova).

A far spremere le meningi, oltre ai quesiti di logica e matematica, anche la questione del destino della Libia. Alla domanda sulle risoluzioni Onu dell'autunno1946 nessuna delle opzioni è corretta. La A è errata poiché il Paese dichiara la propria indipendenza nel 1951 e non nel 1946; la B non lo è poiché non è più dipendente dall’Italia - che ha rinunciato alle sue colonie; la C è sbagliata poiché la Libia non ha mai fatto parte di una federazione con l’Etiopia. E questi sono solo alcuni esempi. 
Lunedì 14 Gennaio 2019, 14:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA