Catania, nuova eruzione dell'Etna: nube di fumo e cenere alta 12 km

Catania, nuova eruzione dell'Etna: nube di fumo e cenere alta 12 km

L'aeroporto di Catania è tornato operativo. Le attività saranno però contingentate fino al termine dell'emergenza, con conseguente ritardo nei voli

Nuova eruzione dell'Etna con una intensa e spettacolare 'fontana di lava' dal cratere di Sud-Est. Dalla 'bocca' si è alzata anche una nube vulcanica che ha raggiunto un'altezza di oltre 12 chilometri sul livello del mare e che ha oscurato il cielo su Catania in direzione Sud-Est. Due colate laviche sono presenti nelle zone crateriche sulla sommità dell'Etna. Una, debolmente alimentata, si espande verso Est e il suo fronte lavico rimane confinato raggiungendo una quota di circa 2.900 metri circa. Risulta ancora alimentata anche l'altra colata che che si propaga in direzione Sud-Ovest. È quanto emerge dal monitoraggio dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Osservatorio Etneo (Ingv-Oe), di Catania.

 

Leggi anche > Minaccia l'ex moglie e chiede di essere arrestato: «Adesso o lo farete quando l'avrò uccisa»

 

 

 

 

L'Ingv ha emesso un'allerta per il volo (Vona) di colore rosso, ma l'aeroporto internazionale di Catania torna operativo. La società di gestione dell'aeroporto comunica che le condizioni attuali, legate alle fasi eruttive dell'Etna, hanno consentito la riapertura dello scalo Vincenzo Bellini. Le attività saranno però contingentate fino al termine dell'emergenza, con conseguente ritardo nei voli schedulati. I passeggeri possono di informarsi sullo stato del proprio volo con le compagnie aeree e sull'operatività generale dello scalo sul sito www.aeroporto.catania.it 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Febbraio 2022, 18:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA