Trentino, sette cose da fare (e vedere) assolutamente in Val di Ledro
di Eleonora Giovinazzo

Trentino, sette cose da fare (e vedere) assolutamente in Val di Ledro

  • 515
    share
La Val di Ledro è una valle del Trentino sud-occidentale che prende il nome probabilmente dai suoi antichi abitanti, chiamati Leutrenses dai Romani. Le palafitte del lago di Ledro testimoniano una forte presenza umana in valle già nel tardo neolitico eneolitico. Queste furono scoperte nell'autunno del 1929, quando il livello del lago fu abbassato per i lavori di presa della centrale idroelettrica in costruzione a Riva del Garda. Emersero oltre 10mila pali, attestando una delle più grandi stazioni preistoriche scoperta fino ad allora in Italia ed una delle testimonianze più importanti in Europa. Il 21 luglio del 1866 a Bezzecca si svolse la famosa Battaglia e sempre a Bezzecca il 9 agosto Garibaldi rispose al generale Alfonso La Marmora con il famoso telegramma: "Ho ricevuto il dispaccio n. 1073. Obbedisco”. In questo elenco, che non può contenere tutte le meraviglie di questo posto (sono rimasti fuori ad esempio Tremalzo, il Monte Baldo, il Monte Altissimo, prossimi alla Val di Ledro), troverete molti spunti per una vacanza all’insegna della natura, del relax e della bellezza. 

Ecco sette cose da fare (e vedere) assolutamente in Val di Ledro

1 - Salite sulla cima Parì. La vista di cui si gode da questa cima è eccezionale. E’ possibile vedere magnificamente sia il lago di Ledro che la punta del vicino lago di Garda. Dopo il lungo cammino concedetevi una sosta al rifugio Nino Pernici, non ve ne pentirete sia per la bontà delle pietanze che per la cortesia del personale.
 
 

#lagodiledro #lagodigarda #valdiledro #ledro #paari #trentino

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#ledro #trentino #valdiledro #mountains

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:




2 - Fate un giro in bici intorno al Lago di Ledro e scendete lungo la Ponale fino a Riva del Garda. Percorrere il sentiero che circonda il lago di Ledro è davvero un piacere, sia a piedi che in bicicletta. Lo stesso vale per la tortuosa strada del Ponale, costruita verso la metà del XIX secolo su ardito progetto di Giacomo Cis (1782-1851) per collegare la Valle di Ledro al Garda. Offre panorami unici e mozzafiato sul Lago di Garda. Godetevi una passeggiata per le stradine di Riva del Garda.
 
 

#lagodiledro #valdiledro #ledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#ponale #lagodigarda

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#ponale #lagodigarda

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:



3 - Trascorrete una giornata al lago di Ledro, visitate il lago d’Ampola e la cascata del Gorg D’Abiss. Il Lago di Ledro è una piccola meraviglia turchese in cui tuffarsi nelle calde giornate estive, ideale per praticare differenti sport tra cui la canoa, il windsurf, la vela, il nuoto e la pesca. Al lago d’Ampola troverete un ambiente incontaminato ricco di particolari specie vegetali ed animali. Scavata nella roccia durante i secoli, la cascata del Gorg D’Abiss si trova a Tiarno di Sotto ad una decina di minuti dal Mulino dei Bugatini camminando lungo il torrente Massangla.
 
 

#ledro #valdiledro #lagodiledro #lake #mountains

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:


 

#ampola #lagoampola #valdiledro #mountains #nature

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 

4 - Percorrete il sentiero panoramico Busatte-Tempesta (Lago di Garda) e salite da Mezzolago fino a Malga Dromaè (Val di Ledro). Punto di partenza di questa passeggiata panoramica sul Lago di Garda è la località Busatte presso Torbole. Dal parcheggio si cammina fino al Parco avventura delle Busatte, qui inizia il meraviglioso sentiero panoramico che segue, con pochissimo dislivello, i pendii del Monte Baldo, a circa 120 m sopra il livello dell’acqua. La passeggiata che da Mezzolago sale fino a Malga Dromaè attraverso un giardino botanico naturale vi permetterà di inoltrarvi a 360 gradi nella natura. Ci si immerge da subito in una pineta di Pino silvestre con sottobosco di Faggio per passare poi da un bosco di latifoglie. Il percorso risale il folto bosco sino ad intersecare la strada forestale. Dopo breve si inizia a scorgere tra le piante il lago di Ledro ed un ultimo tratto in salita nel bosco ci porta ad un punto panoramico dal quale è possibile ammirare le splendide acque del lago.
 
 

#gardalake #gardasee #gardatrentino #busattetempesta #walking

Un post condiviso da Cristina Weger (@criswegergregor) in data:

 
 

#valdiledro #dromae #mezzolago #ledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#valdiledro #dromae #mezzolago #lagodiledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:



5 - Scendete da Locca a Bezzecca attraverso le trincee, trascorrete qualche ora di lettura e relax nella biblioteca e passeggiate per Pieve di Ledro. Bezzecca e la valle di Ledro sono stati teatro di numerose battaglie e tappa della lotta Garibaldina per l'unità d'Italia. Nel paese di Bezzecca è possibile rivivere la storia di quegli anni, ripercorrendo le trincee, le gallerie scavate nella roccia e visitare il museo con il cannone della guerra mondiale. Rilassatevi nella biblioteca, dove potrete consultare numerosi libri. A Pieve di Ledro visitate il Museo Farmaceutico Foletto, dove sono esposte alcune macchine ed attrezzature che costituiscono la storia del laboratorio farmaceutico Foletto, dall'inizio del ‘900 ad oggi: alambicchi, pestelli, ricordi e oggetti di una tradizione ultra centenaria. Nel Museo Farmaceutico Foletto è possibile assaggiare i prodotti A. Foletto tra cui il famoso Picco Rosso, sciroppi ed amari. 
 
 

#obbedisco #garibaldi #gallerialamarmora #ossariomilitare #guerra #bezzecca #lagodiledro #pernondimenticare #gallerie

Un post condiviso da Federica Rossi (@ecaterock) in data:

 
 

#museofoletto #pievediledro #ledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:



6 - Passeggiate ad Arco, perdetevi nel Ledro Land Art e lungo le varie malghe delle zone limitrofe. Arco si trova a nord della piana dell'Altogarda, la parte finale della valle del fiume Sarca che sfocia, da qui, nel Lago di Garda, a 6 km a nord-nord-est di Riva del Garda. La posizione protetta dalle montagne e la vicinanza del lago di Garda permettono a questa zona di mantenere un clima particolarmente mite. Ladro Land Art è un percorso artistico iniziato nel 2012 dal Comune di Ledro per valorizzare il territorio e l'arte. Ledro Land Art è situato nella pineta di Pur, lungo il torrente Assat fino a Malga Cita, e racchiude una ventina di opere che quasi si mimetizzano con il paesaggio circostante. Numerose sono le malghe e gli alpeggi della Valle di Ledro che in estate ospitano vacche, capre o manze che possono pascolare liberamente nei prati ricchi di fiori. In alcune malghe viene fatto il formaggio ogni giorno in maniera artigianale ed è possibile assistere alla caseificazione.
 
 

#castle #castelloarco #italy

Un post condiviso da @ljblitz13 in data:

 
 

#valdiledro #ledrolandart #ledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#valdiledro #ledrolandart #ledro

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:

 
 

#valdiledro #ledrolandart #ilvecchioeilbambino

Un post condiviso da Eleonora Giovinazzo (@giovigiovis) in data:



7 - Mangiate strangolapreti, canederli e polenta a volontà con ogni tipo di contorno, dal capriolo alle spuntature di maiale, dai crauti alle salsicce. In questi giorni “ingrassatevi”: alla linea penserete al ritorno. In questi posti è davvero difficile “mangiar male”. Gli strangolapreti sono degli gnocchetti tipici a base di pane, latte, uova e verdure; i canederli sono gnocchi tipici che si preparano con pane raffermo. 
 
 

#strangolapreti #strangolapretiallatrentina #rifugioviviani #pradalago #trentino #trentinoaltoadige #trentinodagustare

Un post condiviso da Silvia Waves (@silviawaves) in data:


 
 

Oggi Folgarida pranzo in malga #folgarida #polenta #formaggiofuso #salsiccia #spezzatino #chebuono #chebellagiornata

Un post condiviso da Enrico Dalla Valentina (@enrico.dalva) in data:

 
Mercoledì 23 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 25-08-2017 15:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME