iPhone 13, cresce l'attesa: avrà anche la connessione satellitare?
di Paolo Travisi

iPhone 13, cresce l'attesa: avrà anche la connessione satellitare?

Settembre è tempo di iPhone. A metà del mese Apple dovrebbe presentare al mondo i suoi nuovi prodotti, compreso il più atteso, cioè il nuovo modello  di smartphone: iPhone 13. Ed i consueti rumors della rete già rivelano qualche succoso dettaglio tecnologico, che stavolta sembra riguardare la modalità di connettività. 

 

Secondo l'analista esperto di Apple, Ming-Chi Kuo, il prossimo iPhone si connetterà direttamente ai satelliti in orbita terrestre bassa, i cosiddetti LEO, low Earth orbit, che permetterebbero di fare e ricevere telefonate e messaggi anche dove le tradizionali infrastrutture di terra non arrivano a coprire la rete. Questo salto tecnologico non è da poco, perché porterebbe ad un livello superiore iPhone 13 rispetto a tutti gli altri competitors nella telefonia, sarebbe possibile grazie al chip Qualcomm X60 modificato per supportare le comunicazioni via satellite.

 

Smartphone a rischio chi ha un pacemaker o defibrillatore impiantabile

 

Kuo rivela che la company americana Globalstar, che gestisce una serie di satelliti LEO per telefonia satellitare e comunicazioni di dati a bassa velocità, ha annunciato il supporto ai nuovi chip di Qualcomm adottati da Apple che dunque potrebbe aver stretto un accordo con l'azienda per lanciare il nuovo iPhone 13. Successivamente saranno i vari gestori di reti nazionali che dovranno stipulare accordi con la società americana per consentire il pieno utilizzo del device di Apple con una copertura che sarebbe realmente planetaria. La medesima tecnologia satellitare è usata anche dalla Starlink di Elon Musk che però non avrebbe stretto accordi con Cupertino.

 

Le indiscrezioni sulla connettività sono confermate anche da un giornalista di Bloomberg, Mark Gurman, che però chiarisce che le funzionalità satellitari a cui Apple sta lavorando dal 2017, sono pensate principalmente per quelle situazioni di emergenza, in cui non sia possibile accedere alla rete mobile di terra. Ed in particolare per l'invio di messagi di emergenza, funzione integrata all'app di messaggistica di iOS come terzo protocollo di comunicazione, dopo SMS e i testi iMessage, con cui l'utente potrà inviare un messaggio digitando "SOS di emergenza" al posto del nome del contatto. Inoltre il servizio satellitare potrebbe segnalare gravi incidenti e lo smartphone sarebbe utile per chiedere aiuto e per identificare la propria posizione ovunque nel globo. 

 

Il giornalista Gurman, dunque, è più scettico rispetto all'analista Kuo sull'implementazione di questa funzionalità su iPhone 13 e comunque se anche fosse, l'hardware adatto a gestire le comunicazioni satellitari non sarebbe pronto prima del 2022.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Settembre 2021, 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA