Impresa Sonego, primo italiano in semifinale al Foro Italico dopo 14 anni
di Piero Valesio

Internazionali, impresa Sonego: primo italiano in semifinale al Foro Italico dal 2007

Qualunque impegno avevate in programma di onorare stasera alle 18.30 disdicetelo. Il meraviglioso Lorenzo Sonego a poco più di quattro ore dalla fine del match contro Rublev affronterà il numero 1 al mondo Djokovic. E se fosse solo un match di tennis già basterebbe: ma è molto di più, in realtà. E’ esplosa, al Foro e nel Paese la Sonegomania: un fenomeno di cui, tutti avevamo bisogno. Lorenzo ha sconfitto il russo Rublev (3-6 6-4 6-3), numero 7 del mondo e, proseguendo sulla strada aperta con il trionfo su Thiem, ha dato la stura alla voglia di tutti noi di festeggiare, di lasciarci alle spalle le amgosce di questo periodo.

Accomopagnato lungo tutto il match da un tifo al calor bianco, tutta la Grand Stand Arena ha ballato con lui dopo l’ultimo punto, lo ha chiamato “sotto la curva” lo ha accompagnato fisicamente negli spogliatoi. Se non fosse che non si può (per carità) ci sarebbe da chiedere di spalancare a tutti le porte del Centrale stasera. C’è il sospetto che la strabordante passione che Lorenzo ha innescato sbarrerebbe le porte a qualsivoglia virus maligno.

 

 

 

 

Non avevano un italiano in semifinale dal 2007 quando ci approdò Volandri dopo aver battuto Federer. Nole a sua volta ha dovuto sputare l’anima per rimontare Tsitsipas. Stasera sarà un’altra partita di cuore e di anima.  Di emozioni. Cos’altro potrebbe dare lo sport e un tennista al risveglio di un Paese? Comprate le birre, sedete davanti al televisore. C’è Lollo, what else?


Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Maggio 2021, 10:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA