Milan contro il Bologna di Miha, Pioli ordina: «Partire con il piede giusto, obiettivo Champions»
di Luca Uccello

Milan contro il Bologna di Miha, Pioli ordina: «Partire con il piede giusto, obiettivo Champions»

«Mai arrendersi e migliorarsi sempre». È il motto di Stefano Pioli per una stagione che dovrà portare il Milan nell’Europa che conta. L’obiettivo è la Champions League. Poche storie. Inutile girarci intorno. Il Diavolo deve tornare tra le grandi. Ci credono tutti a Milanello. Nessuno escluso. Anche Stefano Pioli che sa che per puntare al quarto posto «dobbiamo partire bene, non si può sempre rincorrere».
E lo scorso anno, non solo per colpe sue, il Milan ha dovuto rincorrere, andare velocissimo per arrivare a toccare l’Europa. L’asticella si alzata, ora bisogna saperla saltare. «Avere delle pressioni è un privilegio, vuol dire che hai raggiunto certi livelli». Per questo «dobbiamo essere ambiziosi, siamo il Milan, dobbiamo continuare a crescere. Siamo una squadra molto giovane con ampi margini di miglioramento».
Una sfida complicata contro il Bologna del generale Sinisa Mihajlovic, l’ex di turno. Una gara vera, dove vincere non è scontato. «I pronostici sono fatti spesso per essere smentiti, il Milan negli ultimi due campionati ha perso la prima e dobbiamo puntare a vincere». Vincere contro il Bologna, partire con tre punti ma senza illudersi, perché parlare di scudetto per il Milan oggi è qualcosa di sbagliato. «Non lo so se possiamo puntare allo scudetto, difficile rispondere adesso a queste domande, dobbiamo continuare a crescere e dimostrare di essere una squadra forte».
Con Ibra dall’inizio tutto è più facile. Ma rispetto alla gara in Irlanda il tecnico rossonero recupera anche Rebic. «È importantissimo per noi, ha qualità, forza fisica, profondità. Completa il nostro reparto offensivo, ha patito il fatto di non poter aver giocato in Europa ma è pronto». Giocherà lo stesso Milan di sempre, senza Saelemaekers (rientra Rebic) e senza anche i due ultimi arrivati. «Tonali e Diaz? Li vedo già bene inseriti, sanno già cosa fare nel nostro sistema di gioco, mi auguro di potergli dare il prima possibile più minutaggio». 
Capitolo mercato. Bakayoko ha lanciato l’allarme sui propri social («Non c’è tempo», mentre Pioli appoggiato da Maldini ha deciso di far fuori Lucas Paquetà. «Ha qualche difficoltà per le posizioni che prendiamo in campo, è un giocatore con caratteristiche particolari, vediamo cosa ci dirà il mercato». Il Lione ci pensa, ma Gazidis non può scendere sotto i 25 milioni di euro, una cifra esagerata per quello che il brasiliano ha dimostrato nei due anni di Milan.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Settembre 2020, 14:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA