Napoli-Inter 1-1, le pagelle: Dzeko "pompiere", Lautaro non gira. Osimhen, manca solo il gol

Napoli-Inter 1-1, le pagelle: Dzeko "pompiere", Lautaro non gira. Osimhen, manca solo il gol

di Daniele Petroselli

Al Diego Maradona finisce 1-1 il big match tra Napoli e Inter. Ad aprire le danze il gol di Insigne su rigore al 7', a cui risponde Dzeko al 47'. Occasione persa per entrambe, da una parte per riaprire il campionato, dall'altra per chiuderlo.

LE PAGELLE DEL NAPOLI

Ospina 6: per un tempo in pratica fa da spettatore. Sul gol può poco, per il resto sempre attento.
Di Lorenzo 5.5: impreciso, troppo, quando si tratta di assistere i suoi davanti, dietro spesso si perde l'uomo ma ci mette una pezza. Non una serata delle migliori, certificata dall'indecisione che porta al pari.
Koulibaly 6.5: ritorna e si fa sentire subito, facendo la voce grossa. Giusto qualche sbavatura, ma per il resto è tornato. Ed è questo quello che conta per Spalletti.
Rrahmani 6: parte molto bene, con sicurezza, qualche momento di vuoto nel secondo tempo soprattutto su Dzeko. In generale però non è brilli per troppa autorevolezza.
Mario Rui 6: Davide contro Golia sembra la sfida sulla fascia sinistra. il gigante Dumfries fa paura ma il portoghese, seppur decisamente più piccolo, dopo qualche momento di sbandamento, lo contiene bene.
Fabian Ruiz 6: sempre ordinato, detta i tempi di salita e di pressione dei suoi. Non è però così decisivo come in altre occasioni e perde lucidità col passare dei minuti. (Dal 29' st Anguissa 6: si rivede in campo, ma deve ancora far vedere di essere quello ammirato nella prima parte di campionato)
Lobotka 5.5: se c'è da rubare palla e ripartire, lui sa il fatto suo. Ma lo fa bene solo per una frazione. Dopo la lucidità viene decisamente meno e si sente.
Politano 6: bravo a dare una mano in fase di ripiegamento per contenere le discese di Dimarco ma soprattutto lo straripante Perisic visto negli ultimi mesi. Missione compiuta, finchè regge. Poi ancora una volta è sfortunato ed esce per infortunio. (dal 26' spt Elmas 6: più impegnato a non strafare che a pensare a creare difficoltà. Una palla gol grande ma ben chiusa da Handanovic)
Zielinski 6: un palo, tanta buona volontà per una frazione, poi va un po' in confusione e fatica a ritrovare la retta via. (Dal 39' st Juan Jesus sv)
Insigne 7: il suo gioco sarà pur sempre lo stesso, tutto largo per poi accentrarsi, ma alla fine è difficile in ogni caso contenerlo. La rabbia dopo il gol mostra quanto ci tenga a lasciare il segno in questa seconda parte di stagione, che può essere importantissima per il suo Napoli. (Dal 39' st Ounas sv)
Osimhen 7: partita dopo partita sta tornando quello ammirato a inizio stagione. Quando prende palla, è un pericolo, sempre. L'Inter lo sa ma fatica comunque a tenerlo a bada. Gli manca solo il guizzo giusto, ma è in crescita. (Dal 39' st Mertens sv)

All: Spalletti 6: un ottimo Napoli per 45', poi  Dzeko la spegne sul più bello. Ci si aspettava una reazione forte e invece è venuto il braccino corto, così come il fiato. Peccato.

LE PAGELLE DELL'INTER

Handanovic 6.5: per poco non arriva a parare il rigore di Insigne, poi qualche indecisione su un paio di calci d'angolo, ma nel secondo tempo è decisivo su Osimhen ed Elmas.
Skriniar 5.5: deve contenere in seconda battuta il pericolo numero uno, quell'Osimhen che quando ha campo è difficile da tenere. Riesce spesso nell'intento ma in un paio di occasione fa correre dei brividi ingiustificati con delle incertezze non da lui. Meglio, decisamente, nella ripresa.
De Vrij 5: è il primo uomo ad affrontare fisicamente Osimhen, ma spesso perde il duello. Giusto il fallo da rigore, visto che entra in netto ritardo. Non al meglio.
Dimarco 6: ci mette la solita volontà, si fa vedere più spesso di Perisic ma non è che trovi mai lo spunto pericoloso. Dietro fatica di più. (Dal 45' st D'Ambrosio sv)
Dumfries 6.5: è in grande condizione e si vede. Prova a sfruttare la sua fisicità da quel lato, ma alla distanza Mario Rui lo contiene bene, evitando che faccia dei guai peggiori.
Barella 5.5: corre, spesso punta Mario Rui, ma non è che riesc a a trovare mai degl ispazi ideali per esplodere compeltamente. Un suo errore nella ripresa per poco non costa caro ai suoi.
Brozovic 5.5: Spalletti prova a soffocarlo mettendogli alle calcagna la sua mediana. Obiettivo che va a segno, perché nonostante la buona volontà il croato non riesce a trovare sbocchi interessanti per i suoi.
Calhanoglu 5: il turco è decisamente in fase calante in questo momento. Arriva in seconda battuta nei contrasti, aspetta sempre un attimo di troppo per servire i suoi, sembra svagato. Quando cerca la giocata veloce poi non è preciso. (Dal 38' st Vidal sv)
Perisic 5.5: è l'uomo più controllato, perché con le sue incursioni sulla sinistra può creare quella superiorità che può essere decisiva. Spalletti lo sa e lo ingabbia per bene, non permettendogli di avere spazio per le sue ripartenze.
Dzeko 7: davanti fa a sportellate con tutti e prova a essere quel regista offensivo che manca in questo momento, visto il blackout di Calhanoglu. E' lui a risolvere ancora le cose per i suoi. Sempre più decisivo.
Lautaro 5.5: ottimo il cross che porta al pari, ma per il resto l'argentino pare ancora indietro di condizione. Mai veramente nel vivo del gioco e poco mobile. (Dal 38' st Sanchez sv)
All: Inzaghi 6: buona la reazione nella ripresa, ma per il resto la sua Inter in queste ultime settimane fatica troppo a vedere la porta e a giocare quel calcio spumeggiante che l'ha lanciata in testa alla classifica. Deve chiedersi il perché e risolvere la questione. In fretta.


Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Febbraio 2022, 21:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA